Walchhofer ci riprova

0
171

Il vincitore della Saslong davanti a tutti nella seconda prova di Bormio

Seconda prova cronometrata sulla pista Stelvio in vista della quarta discesa della stagione che domani si correrà qui a Bormio. E’ stato l’austriaco Michael Walchhofer il più veloce questa mattina, che ha superato per l’inezia di quattro centesimi l’azzurro Werner Heel, che ieri aveva saltato una porta. Oggi il freddo era ancora più pungente di ieri: -14° alla partenza, ed una Stelvio davvero lucida in alcune sue parti, in particolare il primo muro iniziale e lo schuss finale, sempre più considerato dai ‘big’ il punto chiave per vincere la gara. In tanti hanno ‘tribolato’ anche questa mattina. Si arriva ‘secchi’ in fondo, e se anche il tratto finale non è tecnicamente impegnativo, il fatto di affrontarlo dopo una discesa estenuante e su una neve ghiacciata lo rende oltremodo insidioso. In tanti sono arrivati al traguardo stanchissimi. Didier Cuche si è alzato al Coston, Bode Miller invece spiegava che “è la prima pista in cui arrivo stremato al traguardo, ma è questo ciò che la rende unica. Mai così difficile la Stelvio”. Terzo si è classificato lo svizzero Ambrosi Hoffmann che ha preceduto il norvegese Aksel Lund Svindal. Nono Peter Fill, dodicesimo Christof Innerhofer. La prova di questa mattina valeva anche come selezione in casa Italia. Con Heel, Fill, Innerhofer e Staudacher, ventesimo in prova, correranno Matteo Marsaglia che ha chiuso ventiquattresimo e Stefan Thanei ventiseiesimo. A breve sarà comunicato anche l’ultimo innesto: in ballottaggio Elmar Hofer e Hagen Patscheider.
 

Articolo precedentePeter Fill ci crede
Articolo successivoBormio, tutto pronto sulla Stelvio
Gabriele Pezzaglia
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...