Vulcano Ski Race – Sai Napoli al lavoro

0
687

A Les 2 Alpes con il dt Ferdinando Fossati

Riparte anche la stagione agonistica del Vulcano Ski Race, il settore agonistico del Sai Napoli, sodalizio presieduto da Fabrizio Merolla. Agli ordini del direttore tecnico Ferdinando Fossati, nonché istruttore nazionale, tutti sulle nevi perenni transalpine di Les 2 Alpes, con l’appoggio logistico di International Vacanze, da sempre riferimento in questo angolo di Isere per il turismo italiano e adesso votato ai club giovanili. Il Vulcano Ski Race – Sai Napoli insomma al lavoro. Dopo un primo periodo, a fine mese tornerà ancora sul ghiacciaio francese per un altro stage. Intanto ecco i quadri tecnici. Ferdinando Fossati, il dt, allena anche la categoria dei Children, insieme a Luca Faccia, Claudio Chimisso e Alfonso Trilli. Si prendono cura invece dei Baby e Cuccioli Francesca Sturlini e Andrea Bettini. I Giovani infine sono coordinati da Andrea Nosenzo e Marco Izzo. “Siamo pronti e determinati per un’altra stagione. Ci stiamo togliendo delle soddisfazioni, è inutile negarlo. Stiamo crescendo con umiltà e senso del lavoro metodico, sulla neve e fuori, a secco. La passata stagione ottime le performance di Mauro Ramirez, superlativa anche quelle di Chiara Albora. Bene anche Filippo Biagioli. Insomma, punte di eccellenza, ma tutto il settore degli Allievi e Ragazzi cresce mese dopo mese. Più sotto ci siamo tolti delle soddisfazioni con Gianlorenzo Di Paolo e Lorenza Di Maio, ma anche fra i più piccoli c’è voglia di lavorare per crescere”, fa sapere ‘Ferdy’ Fossati. Insomma, Vulcano Ski Race, ‘costola’ agonistica del Sai, è uno dei punti di riferimento più solidi per Napoli e per la Campania che scia.
 

Articolo precedenteAtomic D2 Race SL, sulla scia di Marlies
Articolo successivoIl Cio boccia il team event
Gabriele Pezzaglia
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...