Vonn per la rivincita, Gut permettendo. Otto azzurre

0

Presentazione superG Skt. Moritz – Ultima gara prima dei Mondiali di Vail

Tra nove giorni esatti scatterà il superG iridato di Vail/Beaver Creek 2015, prima gara della rassegna iridata, preceduta solo, il 2 febbraio, dal training n.1 della discesa femminile (saranno tre in totale). Oggi, a Skt. Moritz, ultima chiamata per chi vuole guardagnarsi la qualificazione. Gara importante per molte Nazioni, Italia compresa. Al momento, solo Nadia Fanchini e Daniela Merighetti, tra le azzurre, hanno saputo meritarsi il pettorale in questa disciplina. Marsaglia, Stuffer ed Elena Curtoni ci sono andate vicine, ma ancora non sono riuscite a piazzarsi tra le prime dieci. La pista Engiadina le aspetta. 

SUPERG – La gara odierna è la quarta in superG nella stagione, dopo Lake Louise, Val d’Isere e Cortina, con tre vincitridi diverse: Gut, Goergl, Vonn, nell’ordine. Logico ripartire da questi tre nomi per i pronostici odierni, tenendo però conto che Lara ha vinto in discesa ieri e oggi, senza il lungo tratto di piano iniziale, dove comunque si è difesa meglio che in prova, sarà ancor di più l’atleta da battere; Lindsey è chiamata al riscatto dopo l’errore sul muro in discesa, per troppa foga, troppa voglia di vincere, parole sue, mentre Elisabeth è sempre costante. Come co-favorite, ecco Fenninger, ultimamente sempre sul podio, ieri per esempio ma anche a Cortina in superG; Maze, ieri male in discesa; Suter che ancora non ha raccolto per quel che semina, Viktoria Rebensburg, forse la più veloce ma anche quella che commette più errori e poi Tina Weirather, vincitrice qui un anno fa. 

PISTA
– La ‘Engiadina’ ha regalato tutto sommato un buono spettacolo, con la libera, e oggi, tracciatura permettendo, dovremmo assistere a una gran bella gara, forse ancora migliore, con il ‘muro’ centrale ancora una volta a fare la differenza. Ma in questa disciplina, com’è ben noto, senza prove, ogni dosso, ogni curva, ogni compressione, ogni metro, ogni secondo, insomma, è importante, traditore, decisivo. 

ITALIA – Senza Goggia, Merighetti e Borsotti (posto fisso), sono otto le azzurre al via: Nadia Fanchini è stata 5a in Val d’Isere e 8a a Cortina nelle ultime due gare in superG. In discesa ha sciato bene dove la pista girava di più, è in forma, in fiducia, può rientrare tranquillamente tra le prime cinque. Marsaglia e Curtoni hanno dato segnali di risveglio in Italia, ora devono fare un passo avanti, così come Verena Stuffer, se vogliono andare ai Mondiali. Pettorali alti per Schnarf, Anna Hofer (altra chance importante), Elena Fanchini e l’esordiente Nicol Delago, 43esima in libera, classe ’96, gardenese. 

ORARI E TV – L’ultima gara di Coppa del Mondo prima dell’interruzione dovuta alla rassegna iridata andrà in scena nel Canton Grigioni, Svizzera, alle 11.45: diretta RaiSport1 ed Eurosport2.
 

 

Articolo precedenteNon solo Paris, il 'dream team' e' tornato
Articolo successivoKitz, Marcel Hirscher davanti a tutti. Sesto Gross
REDATTORE - Milanese, 39 anni, laureato in Lingue, sposato con Laura e papà di Giulia, appassionato di tanti (troppi) sport da sempre, amante delle discipline americane, è transitato attraverso esperienze nei quotidiani (Il Giorno, per il quale scrive ancora, Tuttosport, freepress), in Radio (Radio 24, AGR), Internet (Leonardo) e dal 2009 ha trovato la sua dimensione come telecronista di diverse discipline (sci, nuoto, tuffi, scherma, pallavolo, pallanuoto ecc.) su Eurosport Italia. Ma continua ad amare anche la scrittura alla follia e dall'aprile 2014 collabora con Race ski magazine