Vonn dice 63: e' la piu' grande di sempre

1

L'americana trionfa in superG a Cortina. Ottava Nadia Fanchini

Il cerchio si è chiuso: ieri 62, oggi 63. Diamo i numeri, ma sono storia. Moser-Proell cancellata, da oggi, dopo il trionfo in superG sulla Olympia delle Tofane, podio n.108 in Coppa del Mondo, Lindsey Vonn può essere a tutti gli effetti considerata la più grande atleta nello sci alpino femminile. Non ci sono più dubbi. 

GARA – In superG, dove non vinceva da tre stagioni, ha voluto mettere le cose in chiaro: se in discesa qualche sbavatura c’era stata, oggi Lindsey ha realizzato la prova perfetta, da registrare, da incastonare tra i diamanti della sua carriera, soprattutto nel tratto centrale ricco di lunghi curvoni, tirati in maniera perfetta: linee alte, strette, ma sci che continua a correre con la massima velocità. La regina è piombata sul ‘Rumerlo’ con un vantaggio enorme e poi ha dominato, chiudendo con il tempo di 1’27’’03, inavvicinabile per tutte. A farle da ‘vallette’ due giovani campionessa, Anna Fenninger e Tina Weirather, al secondo e terzo posto, staccate rispettivamente di 85 e 92 centesimi. Quarta Tina Maze, ex aequo con Huetter, al miglior risultato della carriera in superG, sesta Gut, settima Kling, sempre costante nelle dieci-dodici, ottave a pari merito Goergl e Nadia Fanchini, che forse si aspettava qualcosa di più da questa gara (ma ha sciato bene, a nostro avviso). Decima Hosp. 

AZZURRE – Aspettavamo un segnale dalle ragazze più giovani, sono arrivati, in parte: Francesca Marsaglia ha chiuso undicesima, dodicesima Elena Curtoni, ex aequo con Julia Mancuso. A ridosso delle prime dieci, a un passo dalla qualifica per i Mondiali di Vail/Beaver Creek, che a questo punto si giocheranno nel prossimo weekend di St. Moritz. A punti anche Stuffer, 25esima, e Federica Brignone, 28esima. Fuori Daniela Merighetti, caduta al Rumerlo quando stava facendo una grande gara: ha travolto una porta e preso un colpo molto duro in faccia, subendo alcuni tagli sul viso. E’ stata portata in ospedale per accertamenti.  

CLASSIFICHE E CALENDARIO – Nella graduatoria generale, Tina Maze guida con 972 punti, al secondo posto è salita Anna Fenninger, ma a quota 641. In quella di specialità, la salisburghese ha superato di due punti Lara Gut, Nadia Fanchini è nona. Appuntamento a St. Moritz, sabato e domenica, per le ultime due gare prima dei Mondiali: discesa e superG.      

 
 

Articolo precedentePeter Fill, piccola frattura ad una spalla?
Articolo successivoNadia Fanchini: 'Speravo in un risultato migliore'
REDATTORE - Milanese, 39 anni, laureato in Lingue, sposato con Laura e papà di Giulia, appassionato di tanti (troppi) sport da sempre, amante delle discipline americane, è transitato attraverso esperienze nei quotidiani (Il Giorno, per il quale scrive ancora, Tuttosport, freepress), in Radio (Radio 24, AGR), Internet (Leonardo) e dal 2009 ha trovato la sua dimensione come telecronista di diverse discipline (sci, nuoto, tuffi, scherma, pallavolo, pallanuoto ecc.) su Eurosport Italia. Ma continua ad amare anche la scrittura alla follia e dall'aprile 2014 collabora con Race ski magazine

1 COMMENTO

  1. Onore alla fenomenale Vonn ma e'forse un po' azzardato dire che e' la piu' grande di sempre.
    In termini assoluti ha vinto piu' di tutte ma non bisogna dimenticare che ai tempi della Proell non c'era il superG e chissa' quanti ne avrebbe potuti vincere. La Proell, peraltro, ha vinto molto piu' della Vonn in gigante e credo anche in slalom.
    I paragoni in termini numerici con gli anni 70 lasciano il tempo che trovano. Anche i mondiali si disputavano allora ogni 4 anni e quindi era molto piu' difficile 'accumulare' allori come avviene ora.