Vail 2015, Tina Maze mette le mani sulla Combinata

0

Prima in discesa davanti a Gut. Sorprende Kirchgasser. Nona Marsaglia

Lei era la favorita numero uno, lei ha messo le cose in chiaro dopo la discesa, del tipo ‘adesso venite a prendermi in slalom. Se ci riuscite’. Tina Maze è ancora la più veloce, sulla ‘Raptor’ di Beaver Creek, questa volta per la libera valida come prima manche della Combinata Alpina. Si mette dietro le solite sospette, a ruoli invertiti: Lara Gut, seconda, curiosamente a 2 centesimi anche lei e Anna Fenninger, terza, a 0”26. Poi, un abisso. 

GARA – La slovena ha ripetuto praticamente la stessa prova che le ha consegnato l’oro iridato in discesa e forse si è anche rialzata troppo presto sul traguardo. Gut ha migliorato qualcosa rispetto a venerdì scorso, Fenninger ha sciato ancora una volta bene in uscita muro. Quarta un’attesa Nicole Hosp, a nove decimi, davanti a una bravissima Mowinckel, staccata di 1”07. Poi Stuhec, sesta con il 30 a 1”14, Vonn sulla falsariga del quinto posto nella gara di discesa, e la vera grande sorpresa di giornata, Michaela Kirchgasser, ottava a 1”38. Il podio nella specialità, dopo il quarto posto di Schladming 2013, è nelle sue mani. Nona, brava, la migliore delle azzurre, Francesca Marsaglia, staccata di 1”40. Può confermarsi e magari rosicchiare qualche posizione, in slalom se la cava, decisamente. Decima Ross e undicesima un’altra delle favorite, Zettel, a 1”75. Anche lei può rimontare, ma davanti ha tre slalomiste ‘vere’ come Kirchgasser, Hosp e Maze e quindi dovrà superarsi.  

OUT – Fuori, tra le altre, una delle outsider, Gagnon, e anche, purtroppo, la nostra Elena Curtoni, che ha sbagliato sul muro e che però era già in pesante ritardo. Peccato. Lontana Julia Mancuso, bronzo olimpico in carica, 17esima a 2”67. Nella manche di slalom, prevista alle 22.15 ora italiana, non prenderà il via Edit Miklos, 16esima in discesa. 

ITALIA – Prova incolore, in libera, per Elena Fanchini, brava fino a metà muro, poi 15esima, e Johanna Schnarf, 21esima a 3”28 e mai in gara. Solo 31 atlete al via su una pista sempre molto difficile, completa, ma questa volta con neve molto più dura rispetto alle prove cronometrate e alla gara di venerdì scorso. 

SLALOM – Via alle 22.15 sulla pista ‘Kestrel’, con disegno.. dell’allenatore di Tina Maze, Valerio Ghirardi. Un pendio non difficile, con una media pendenza, senza ‘muri’ veri e propri. Tina Maze ha in mano la terza medaglia e il secondo oro di questo mondiale. 

 

Articolo precedenteVail 2015, Combinata Alpina 'solo' per Tina Maze?
Articolo successivoCE, Schmid 'profeta in patria'. Quinto Tonetti
REDATTORE - Milanese, 39 anni, laureato in Lingue, sposato con Laura e papà di Giulia, appassionato di tanti (troppi) sport da sempre, amante delle discipline americane, è transitato attraverso esperienze nei quotidiani (Il Giorno, per il quale scrive ancora, Tuttosport, freepress), in Radio (Radio 24, AGR), Internet (Leonardo) e dal 2009 ha trovato la sua dimensione come telecronista di diverse discipline (sci, nuoto, tuffi, scherma, pallavolo, pallanuoto ecc.) su Eurosport Italia. Ma continua ad amare anche la scrittura alla follia e dall'aprile 2014 collabora con Race ski magazine