Vail 2015, Combinata Alpina 'solo' per Tina Maze?

12

Slovena strafavorita. Per l'Italia Curtoni, Marsaglia, Schnarf, E. Fanchini

Prosegue la corsa di Tina Maze al record di medaglie per le donne in una singola manifestazione iridata. Cinque su cinque, di qualsiasi colore? Non è impossibile (ori in tutte le discipline, invece, li ha già vinti Anja Paerson). Dopo l’argento in superG e l’oro in discesa, oggi è il giorno della Combinata Alpina (manche di libera più una di slalom, si sommano i tempi, vince ovviamente il più basso in totale). Discesa libera sulla ‘Raptor’ dalle 18 ora italiana, slalom sulla ‘Kestrel’ (dove fecero il superG tre anni fa) alle 22.15. 

GARA – Non ci sono riferimenti in stagione, visto che l’unica gara nella disciplina in Coppa del Mondo si disputerà a Bansko, dopo i Mondiali. Ma il curriculum delle atlete e soprattutto la forma attuale parlano chiaro: nessuna è in grado di vincere sia in discesa che in slalom, oggi, tranne Tina Maze, che in carriera vanta cinque podi in Coppa nella specialità (tre vittorie e due secondi posti) e due argenti iridati, a Garmisch-Partenkirchen (dietro Anna Fenninger) e Schladming 2013 (dietro Maria Hoefl-Riesch). Quindi, slovena nettamente favorita per l’oro. Ci verrebbe da scrivere che lo può perdere solo lei, ma siccome il passato (basti pensare ad Albertville ’92, tra i maschi…) è ricco di sorprese clamorose proprio nella specialità, diremmo che Tina deve solo non commettere l’errore di sentirsi troppo sicura. Per il resto, non vediamo chi possa batterla.

MEDAGLIE – Anche il secondo posto sembra abbastanza scontato: Nicole Hosp quest’anno ha vinto in Coppa in slalom (ad Aspen) ed è tranquillamente in grado di entrare nelle 10 in discesa. Oltretutto, è la vicecampionessa olimpica in carica. Dietro Maze e Hosp, la lotta è aperta: ci sono Gagnon (che vinto in Coppa lo scorso anno nella disciplina), Mancuso (bronzo olimpico in carica), Zettel (oro iridato nel 2009), Kirchgasser (sul podio in Coppa del Mondo), senza dimenticare Lindsey Vonn, che non si allenava in slalom da tre anni, ma che nella discplina vanta 12 podi in Coppa con cinque vittorie. In più, attenzione a Gut e Fenninger, per due motivi: primo, saranno molto avanti dopo la discesa, e quindi ‘gasate’; secondo, vantano entrambe medaglie iridate in combinata, Anna addirittura d’oro a Garmisch-Partenkirchen 2011, con il 4° tempo assoluto in slalom (ma allora si allenava ancora nella disciplina). 

AZZURREElena Curtoni è forse la nostra carta più importante nella specialità, ma con il superG al posto della discesa avrebbe avuto decisamente più chance: in carriera vanta un sesto posto in Coppa del Mondo, a Meribel, sa sciare bene in slalom (bisogna però vedere quanto si è allenata nella specialità), ma per ambire a una medaglia dovrà compiere un miracolo in discesa e… sperare in qualche errore delle big in slalom. Difficile, molto difficile. Discorso pressoché identico per Francesca Marsaglia, buona slalomista che se non fosse uscita a Sochi proprio tra ‘ rapid gates’ si sarebbe piazzata probabilmente quinta, nella specialità. Johanna Schnarf è stata la nostra miglior combinatista per anni, nelle dieci a Mondiali e Olimpiadi, ma, al rientro dopo due stagioni perse, praticamente, non avrà lavorato troppo nella disciplina, immaginiamo. Elena Fanchini, infine, vanta un undicesimo posto, a Skt. Moritz, come ‘best’ nella specialità. Morale: possibile un ingresso nelle dieci, magari anche per due azzurre, difficile sperare in qualche cosa di più. Servirebbe un ‘aiuto’ pesante da parte di alcune favorite. 

ORARI E TV – Manche di discesa alle 18, di slalom alle 22.15. Diretta TV su RaiSport2 ed Eurosport1, con collegamenti e studi 15′-20′ prima del via in entrambi i casi. 

 

 

Articolo precedenteVail 2015, il punto di De Chiesa
Articolo successivoVail 2015, Tina Maze mette le mani sulla Combinata
REDATTORE - Milanese, 39 anni, laureato in Lingue, sposato con Laura e papà di Giulia, appassionato di tanti (troppi) sport da sempre, amante delle discipline americane, è transitato attraverso esperienze nei quotidiani (Il Giorno, per il quale scrive ancora, Tuttosport, freepress), in Radio (Radio 24, AGR), Internet (Leonardo) e dal 2009 ha trovato la sua dimensione come telecronista di diverse discipline (sci, nuoto, tuffi, scherma, pallavolo, pallanuoto ecc.) su Eurosport Italia. Ma continua ad amare anche la scrittura alla follia e dall'aprile 2014 collabora con Race ski magazine

12 COMMENTI

  1. Concordo con il bell'intervento di Skilife. Capisco il desiderio di noi tifosi di vedere i nostri beniamini più competitivi e in più discipline, ma questa polemica particolare sulla mancata partecipazione della Brignone alla combinata mi pare un poco eccessiva, soprattutto non conoscendo l'opinione della stessa Brignone su questa mancata partecipazione (sono sicuro che lei è stata d'accordo con i propri allenatori).
    Volevo anche chiedere, ai redattori di RaceSkiMagazine e agli altri lettori, se avete letto l'articolo del magazine svizzero skionline sulla possibile trasformazione della combinata. Anch'io penso che la combinata dovrebbe cambiare formula e mi piacerebbe conoscere il vostro parere

  2. @skilife: Alla faccia del "vivere rilassati"….
    Comunque esprimere un'opinione/disappunto per una scelta, non credo sia tutta sta tragedia…e confrontarsi su queste opinioni (sportivamente parlando e con persone che hanno un contatto diretto con le atlete), credo sia proprio da persone appassionate che, magari, fanno ragionamenti e si pongono domande su scelte che sappiamo tutti come spesso non siano molto chiare….
    Sul fatto di "imparare"…beh..meno male che sei arrivato tu….

  3. Credo si possa vivere anche più rilassati e quindi apprezzare lo sport, lo sci in questo caso, nel giusto modo. Non è una guerra, non siamo i migliori, senza avversari o con la certezza di prevalere solo per avere vinto qualche battaglia.
    Forse mandare un atleta di valore nelle discipline tecniche a rischiare la sua incolumità in una discesa vuol dire avere una strategia vincente? Ma per favore. Concentratevi sull'evidenza e godetevi quelle gioie che i nostri portacolori ci sanno dare.E' possibile vivere e lavorare serenamente sapendo che dopo una vittoria,un podio, un bel piazzamento, ci si attende che la volta successiva sia uguale se non migliore ? Spero che gli atleti abbiano il buon senso di non leggere i commenti di sportivi intenditori che vorrebbero farli crescere a parole e consigli e spesso dimenticano che non si parla del "trofeo del wurstel" ma di un confronto mondiale,che sia campionato o coppa. Polivalente infine non vuol dire buttarsi in qualsiasi caso.Se c'è un talento, se ne se intravvedono le capacità in un atleta dovrebbero essere curate.Forse se ci si allena in discipline tecniche o in discipile veloci, ci dovrebbe essere un gruppo creato appositamente.Come nascono, come crescono e come diventano protagonisti quegli atleti che riescono a primeggiare in specialità diverse ? Forse è tempo di imparare.

  4. Si Gianmario, ho voluto rivedermi la discesa col tuo commento e quello di Claudia (che apprezzo sempe molto). Io credo che, su una pista col fondo come quello odierno, Federica avrebbe potuto stare sui 3" di ritardo….o poco più…(ovviamente dopo due o tre prove). E dico questo proprio perchè ho visto Zettel (che comunque ripeto che è da un pò di anni che non faceva prove di velocità), Kirchgasser (non dirmi che la Kirchgasser è tanto più scorrevole della nostra Fede….e anche se lo fosse, aggiungi pure un 1" rispetto al tempo della Kichi….e sarebbe ancora sotto i 3"…). Comunque è questione di punti vista….e comunque, sul resto, "I trust what you say!"
    Dai, godiamoci lo spetaccolo dello slalom! A dopo per i commenti!!!

  5. Fa piacere che si divertano. Già che paghiamo noi le trasferte e tecnici ed atleti e ci ricambiano in questa maniera. Speriamo nelle discipline tecniche, rientrino e poi che si facciano i conti per i vari rientri di Ravetto e Teholier.

  6. Concordo su alcune cose…molto meno su altre.
    Anche la Rosa Kuthor non era proprio una passeggiata….e già l'anno scorso (al rientro dall'infortunio alla caviglia) il progetto per la Fede era quello di portarla competitiva in 3 discipline GIUSTAMENTE (e dico questo perchè io credo fortemente nel suo talento…e il fisico per poter essere competitiva ce l'ha!). A maggior ragione quest'anno mi sarei aspettato che si continuasse su quella linea… Invece evidentemente non è così. La Zettel non fa una libera da non so quanti anni (complici i suoi infortuni ovviamente…salvo un paio di prove a fine dell'anno scorso credo…) E comqunque anche la Zettel non è che avesse il fisico da discesista…ma fin da giovanissima la si buttava giù (scusa il termine un pò brutale, ma rende l'idea) dalle libere più difficili tant'è che, come sottolinei giustamente tu nel 2009 fu campionessa del mondo (anche la libera di Val d'Isere era tutt'altro che semplice…anzi, peccato non averla più rivista in CdM). Detto questo perchè Federica va per i 25 anni….vogliamo aspettare abbia 30 per riprendere la strada della polivalenza? (e sono sicuro che quella era l'intenzione visto il suo enorme talento!). Questo è come la vedio Gianmario….e forse anche molti altri appassionati che, andando oltre il semplice tifo da italiani, credono nelle possibilità di Federica e magari ci rimangono male a non vedere il suo grande talento sfruttato a pieno!
    Per il resto, buona telecronaca e tienici informati!

  7. Perdonami, ti mancano dei passaggi. E non pochi. Federica non è polivalente! Non si allena praticamente MAI con gli sci lunghi e senza allenamento non si va da nessuna parte. Per il momento lei fa quasi esclusivamente slalom e gigante, qualche volta superG, ma con poco 'training'. Zettel e Kirchgasser hanno fatto per anni tutte le discipline entrando anche fra le 15 in discese di CdM. Zettel è stata campionessa mondiale nel 2009 in Val d'Isere nella disciplina. Hanno sempre gareggiato in Combinata, non è una scelta di questi giorni. La fanno da una vita. Classifica generale??? In questo momento non se ne può parlare neanche per scherzo. Non c'è nessuna italiana che può lottare. Cominciamo a vincere qualche gara in più nelle singole discipline. La 'Raptor' è una libera tostissima, altro che superG. E' una delle più difficili al mondo. Mai detto che è più un superG. Ho detto che è molto tecnica nella parte centrale, ma ha le sue parti veloci. Non ci si può buttare a caso. Non ha senso rischiare per niente. Era già previsto che Federica non facesse la Combinata Alpina. Credimi, non avrebbe avuto nessuna chance perché avrebbe preso 5-6 secondi in discesa dalle migliori. Meglio pensare al gigante. L'unica che secondo me, al momento, avrebbe fisico e capacità per gareggiare in tutte le discipline è Elena Curtoni, magari con Francesca Marsaglia. Ma al momento l'obiettivo per loro deve essere fare bene almeno in una disciplina.

  8. Insomma…non sono molto d'accordo….
    Io penso che, dal momento che si investe tempo e fatica su un atleta per farla divventrare polivalente, (se questa sta bene ovviamente), la scelta bisogna portarla avanti fino in fondo…La Raptor, come hai detto tu più e più volte, è più un super-gigante rispetto ad una discesa….e le atlete che hanno occupato il podio, sono l'essenza del super-g…. Secondo il tuo ragionamento, allora nemmeno Zettel e Kirchgasser avrebbero dovuto partecipare…invece io apprezzo moltissimo la scelta di farle gareggiare (e la Zettel con tutti i problemi che ha avuto….da apprezzare ancora di più). Questa secondo me è una grossa opportunità mancata….(soprattutto per il campo limitato di partenti!) e un paio di prove sulla Raptor non avrebbe affaticato tanto di più una 24enne che si presume abbia la stessa preparazione fisica di gente come Fenninger, Maze, Gut…e tante altre, che a differenza di Fede, si sparano 2 settimane intere di Mondiali….con i risultati che sappiamo tutti….Credo ci sia da cambiare mentalità Gianmario, sia negli atleti, che nei tecnici…(sai benissimo, meglio di me, che sulla Fede si sono fatti pensieri di CdM generale….e a 24 anni se non le si fa fare nemmeno una combinata mondiale per "risparmiarla" per una gara…direi che non ci siamo a mio avviso)

  9. Ciao! Federica non ha fatto neanche una prova della discesa sulla 'Raptor', impossibile per lei partecipare. In più, è Combinata Alpina con la libera, appunto. Fosse stata con il superG, come sarà a Bansko dopo i Mondiali, altra storia. Ma così secondo me non aveva chance. Meglio concentrarsi sul gigante. A Sochi fece Combinata, GS e SL per raccogliere un 11° posto in SK. Vediamo qui come andrà. La scelta mi trova d'accordo.

  10. Gianmario,
    sinceramente sono abbastanza deluso dalla mancata partecipazione di Federica alla combinata mondiale. Anche perchè visto il campo di partenti (davvero limitato per essere una rassegna mondiale…quasi demoralizzante direi), le sue possibilità di medaglia ce le aveva….Per lo meno pari a quelle che hanno Zettel e Kirchgasser…non di meno sicuramente….Tu che ne pensi a riguardo?
    Magari int elecronaca potresti darci qualche spiegazione….