Ushuaia, si rivede il sole. Le azzurre ringraziano

Neve molle. Pichler: «Bisogna sfruttare le condizioni che si trovano»

1

Come previsto, a Ushuaia, Terra del Fuoco, Argentina, è tornato finalmente il sole, dopo dieci giorni di nevicate praticamente ininterrotte. Una buona notizia per Bassino, Brignone, Elena Curtoni, Nadia ed Elena Fanchini, Sofia Goggia, Marsaglia, Merighetti, Pichler, Schnarf, Stuffer in rigoroso ordine alfabetico, impegnate in allenamento da quelle parti con lo staff azzurro.

NEVE – Ovviamente la neve non può essere ancora sufficientemente dura, ma le previsioni sono decenti per tutta la settimana (tranne per mercoledì) e quindi anche il manto dovrebbe progressivamente cambiare.

FILOSOFIA GIUSTA – «E’ arrivato il bel tempo sì – ci dice Karoline Pichler -. La neve era ancora un po’ molle, ma ci mette un attimo a cambiare se il meteo resiste. Arrabbiata per le nevicate? No, il nostro è uno sport all’aperto, lo sappiamo, non possiamo farci niente. Bisogna saper sfruttare le condizioni che si trovano e in più a me servono proprio così, perché sulla neve molle faccio tanta fatica…».

//

Finally ☀️ at least… #nevemolle #weAreFISI #chepalle #montagnerusse #trincee #slalomallavecchia Posted by Federica Brignone on Domenica 20 settembre 2015

Articolo precedenteOlsson, contusione ossea al ginocchio destro
Articolo successivoGruppo francese al passo Stelvio con Petra Vhlova
REDATTORE - Milanese, 39 anni, laureato in Lingue, sposato con Laura e papà di Giulia, appassionato di tanti (troppi) sport da sempre, amante delle discipline americane, è transitato attraverso esperienze nei quotidiani (Il Giorno, per il quale scrive ancora, Tuttosport, freepress), in Radio (Radio 24, AGR), Internet (Leonardo) e dal 2009 ha trovato la sua dimensione come telecronista di diverse discipline (sci, nuoto, tuffi, scherma, pallavolo, pallanuoto ecc.) su Eurosport Italia. Ma continua ad amare anche la scrittura alla follia e dall'aprile 2014 collabora con Race ski magazine

1 COMMENTO

  1. Beh, direi che le condizioni di neve "molle" sono uguali per tutti quanti, visto che 2/3 degli atleti di CdM sono concentrati lì…e poi direi che per i nostri ragazzi/e non c'è allenamento migliore…visto che, come dice la stessa Karoline, sul molle fanno fatica ad andare avanti…per il duro ci sarà tempo al ritorno in Europa sui ghiacciai….sul molle invece meglio mettere chilometri in cascina….