Un brindisi con Simoncelli e Marsaglia

1
952

Appena atterrati in Italia, in FISI con Roda, Ravetto e Carca

Appena atterrati in Italia Matteo Marsaglia e Davide Simoncelli con il  DT Claudio Ravetto e l’allenatore Massimo Carca, si sono recati in FISI  per un saluto al presidente Flavio Roda e un incontro con la stampa.

VINCERE ANCORA – Il DT Claudio Ravetto ha parlato di «nuovo clima in  squadra, mentalità vincente, volontà di ripetersi ancora». Ha aggiunto  Max Carca: «Noi facciamo questo mestiere con un unico obiettivo,  vincere. Abbiamo lavorato molto bene quest’estate e in autunno, ma devo  dire che i risultati di oggi sono il frutto di anni di messa a punto.  Sul difficile siamo sempre stati validi, adesso siamo migliorati sulle  pendenze più facili».

INASPETTATO – Davide Simoncelli, che aveva  ringraziato sul podio la famiglia della sua fidanzata, i Curtoni, e  anche l’ex allenatore Matteo Guadagnini, ritorna sull’emozione del  gigante: «Stavo bene, ma non credevo proprio di arrivare sul podio. La  seconda manche è stata qualcosa di eccezionale, devo ringraziare chi mi  è stato vicino e lo staff tecnico degli slalomgigantisti che ci mette  sempre a nostro agio».

GLI ULTRA’ DI MARSAGLIA – Hanno invaso via  Piranesi festanti, hanno gioito con ‘Matte’ per la prima vittoria.  ‘Birds of Prey conquistata’, la scritta sulle magliette. Poi cori e  trombe. «Sono venuti all’aeroporto a prendermi, sono contento di  questo entusiasmo. E’ stato un giorno che non dimenticherò mai quello  della prima vittoria in Coppa del Mondo, adesso a ‘bocce ferme’ voglio  godermi questo straordinario superG vinto», ha chiuso Marsaglia. 

Articolo precedenteDedicato al presidente
Articolo successivoLa Coppa Europa femminile a Trysil
Gabriele Pezzaglia
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...

1 COMMENTO