Umberto Capitani ci parla del ghiacciaio dello Stelvio

2
1730

"Nonostante il caldo dell'estate, il ghiacciaio e' in ottime condizioni"

Il Passo dello Stelvio tra settembre e ottobre è veramente l’ombelico del mondo dello sci alpino. Ottime condizioni di innevamento, nonostante l’estate torrida. Abbiamo intervistato Umberto Capitani, direttore SIFAS (Società impianti funiviari allo Stelvio), circa le condizioni del ghiacciaio al Passo dello Stelvio.

Articolo precedenteDeville, la condizione cresce
Articolo successivoGross, un secondo a tutti
Gabriele Pezzaglia
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...

2 COMMENTI

  1. Chi spiega cosa sta succedendo in termini di concessioni e permessi allo stelvio?? ero su nel we e sembra che sia stata data in cocessione la parte sx del Geister all'Alto Adige che vuol farsi i propri impianti. Sta già facendo anche la nuova pista coprendo i crepacci presenti (vedi webcam passostelvio.com).
    Posso permettermi di commentare che mi sembra una "GUERRA DEI POVERI". I numeri dell'affluenza sul ghiacciaio mi sembra che parlino chiaro, forse tolti questi ultimi we.

  2. lettera per Capitani: Perchè quando c'è molta gente non spostate l'aggancio del primo skilift 40m più avanti ( nella depressione) così si evita di disfare gli sci alla partenza del nastro trasportatore e si permetterebbe a chi vuole scendere un pò più in basso di non dover fare la scaletta per salire fino all'aggancio. Dopo le 10 il primo skilift non lo usa più nessuno mentre il secondo, quello più alto, è intasato. Di fatto si avrebbero 2 skilift paralleli dove smaltire la gente. Questo eviterebbe anche il "ridicolo e caotico" passaggio sotto il tunnel per chi, salito a DX vuole andare a fare i pali a SX ( tunnel fatto a scaletta con ferri di acciaio che sbucano ovunque con grande giubilo delle solette degli sci).