Tutti con gli sci vecchi

0
1056

A Davos nessuno oggi con le nuove misure. La parola a Salvadori

Nuovi o vecchi? Che sci hanno usato gli ‘azzurrini’ a Davos per i giganti Fis? E gli stranieri?

TUTTI CON GLI SCI VECCHI – Ecco il responsabile della sqaudra C maschile Devid Salvadori: «Noi abbiamo deciso di correre con gli sci vecchi, ma anche gli stranieri hanno fatto come noi. Solo ieri qualche austriaco e Mirko Deflorian hanno usato il raggio nuovo, ma questa mattina ogni concorrente aveva lo sci vecchio. Non c’è storia, si va più veloci con quelli vecchi, e a maggiore ragione in un gigante come quello odierno tracciato stretto, angolato. Anche i nostri colleghi stranieri si sono allenati in estate con le nuove misure, e hanno preso in mano quelli vecchi solo per gli ultimi allenamenti prima di queste Fis. E adesso? Vedremo al momento caso per caso, situazione per situazione. Chi sarà indirizzato verso la Coppa Europa o più avanti verso I Mondiali Giovani userà quello nuovo, ma nelle Fis la tendenza è utilizzare lo sci vecchio. Lo sapevamo, è un anno di transizione, particolare. Ma se le Fis all’estero e il Grand Prix fungono da test per le convocazioni al circuito continentale, perchè dovrammo usare quelli nuovi che vanno più piano?».

‘AZZURRINI’ IN CRESCITA – A Davos una due giorni positiva per gli ‘azzurrini’, meglio ancora del Diavolezza, dove comunque è stata notata una condizione più che discreta. Ancora ‘FuturDevid’: «Baruffaldi ha fatto due ottime gare. In allenamento stava andando bene, poi qua la tracciatura era idonea alle sue caratteristiche, ed infine, gli slalom del Diavolezza lo hanno caricato. La Coppa Europa? Non farà Reiteralm, adesso aspettiamo le gare in Italia. Buone nuove da Fabian Bacher, Alex Zingerle, Andrea Ravelli, dal poliziotto Michael Eisath e anche da Michele Gualazzi, che ad esempio dopo la prima manche oggi era quarto».

Articolo precedenteChi ferma Baruffaldi?
Articolo successivoLake Louise, cancellata la terza prova
Gabriele Pezzaglia
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...