Trentino, il bilancio di 'Nello' Vicenzi

0
824

«Un grande risultato di squadra davvero»

Chiude la nostra rubrica dei bilanci per quel che riguarda i Comitati regionali alpini Enrico ‘Nello’ Vicenzi, allenatore responsabile del settore maschile del Comitato Trentino. La parola allora al coach di Pejo: «E’ stata una grande stagione, la cosa che più ha soddisfatto lo staff tecnico è stato il fatto che abbiamo avuto un risultato di squadra più che buono nel complesso. Devo subito ringraziare il dt Matteo Guadagnini, quindi i tecnico Walter Nava ed il preparatore atletico Luca Scarian. Venendo agli atleti avevano 8 unità in squadra A. Il ’95 Davide Da Villa ha raggiunto l’obiettivo della squadra nazionale, grazie anche al sesto posto in slalom agli Italiani Assoluti a Pozza e all’oro sempre in slalom ai tricolori Aspiranti di Tarvisio. Il ’92 Marco Manfrini è fra i gigantisti più validi che abbiamo a livello giovanile in Italia. Ha trionfato ai tricolori Giovani a San Valentino alla Muta, peccato, visto anche i nuovi innesti, che non sia stato inserito nel giro della squadra nazionale. Del ’95 c’è anche Federico Liberatore, bronzo in gigante ai tricolori Aspiranti. Liberatore è cresciuto gara dopo gara, sta maturando davvero. Poi ci sono i ’93 Sebastiano Finazzer e Matteo Battocchi: siamo pronti l’anno prossimo per lottare a pieno titolo per entrare in squadra azzurra. Il primo ha fatto un po’ di fatica da inizio stagione, il secondo che è un valido velocista ed ha fatto l’apripista anche in Coppa del Mondo, ha avuto dei piccoli problemi al ginocchio e caviglia proprio quando si disputavano le poche discese in calendario in Italia fra Coppa Europa e Grand Prix. Quindi il ’94 Giovanni Pasini, atleta dalla tecnica sopraffina, che soprattutto in gigante ha fatto vedere buone ciose. Quindi il ’94 Andrea Chiesa che non ha raccolto molto ma ha grosse potenzialità e il ’93 Timothy Bonapace che probabilmente ha voluto strafare e non ha raggiunto i risultati sperati. Ma i due, attenzione, hanno parecchio margine. Poi della B c’erano tre aggregati che erano spesso con noi. Ecco il ’96 Pascal Rizzi, fantastico bronzo in slalom a Tarvisio, poi il ’96 Davide Parisi che è migliorato costantemente ed è stato nono e decimo in gigante e superG agli Aspiranti ed il ’94 Enrico Bonapace che ha fatto un po’ fatica. In B c’erano poi anche Luca Debertol del ’95 che è quello che si è distinto maggiormente, l’altro ’95 Massimiliano Zanetti, il ’93 Giovanni Manfrini e i ’92 Filippo Romano e Davide Marchetti».

Articolo precedenteTrentino, il bilancio di Lorenzo Cemin
Articolo successivoCaspoggio non deve morire
Gabriele Pezzaglia
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...