'Toto allenatori': a Plancker la velocità femminile?

0
862

Intanto si va verso uno scambio Iliffe-Rinaldi

Questo pomeriggio in via Piranesi il direttore tecnico Claudio Ravetto ha incontrato i vertici della federazione per esporre squadre, staff tecnici e programmi. Tuttavia a termine degli incontri la Fisi non ha ancora dato comunicazione ufficiale in merito alle novità per la prossima stagione, e nemmeno il consiglio federale è stato fissato. Quello che è certo è il fatto che la settimana prossima non vi sarà nessun raduno atletico, ma probabilmente la sessione ‘a secco’ slitterà di un’altra settimana. Novarello come lo scorso anno? Staremo a vedere. Intanto si continua a navigare a vista, a muoversi a gattoni: il condizionale insomma è d’obbligo ancora per i prossimi giorni. Tuttavia sembra che vi sia in corso una grossa novità: il carabiniere Raimund Planker dovrebbe passare alla squadra femminile della velocità, portandosi dietro David Fill con cui ha lavorato con la Coppa Europa maschile. Il circuito continentale dovrebbe essere guidato dal carabiniere Alberto Ghidoni. Abbiamo già detto del poliziotto Giuseppe Zeni candidato a sostituire Christian Thoma nello slalom femminile, che Max Carca sarà integrato con i velocisti azzurri dando un occhio di riguardo sempre ai polivalenti, che il finanziere Matteo Guadagnini sarà riconfermato e al posto di Luca Moretti dovrebbe arrivare il carabiniere Alexander Prosch. Inoltre sembra proprio che lo scambio dei responsabili della logistica dei gruppi Coppa del Mondo paventato già da diverso tempo stia andando in porto: Adriano Iliffe passerebbe al settore femminile e Massimo Rinaldi a quello maschile. Aspettiamo…

Articolo precedenteBlardone in procura federale Fisi
Articolo successivo'Manni' Moelgg punta in alto
Gabriele Pezzaglia
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...