Tonetti, l'escluso di lusso, punta alla Coppa del Mondo

2

Allo Stelvio fra Fiamme Gialle e training privato con Fahrner

Non è bastato, attraverso il piazzamento in Coppa del Mondo di Kranjska Gora, fare un posto in più allo slalom azzurro per il prossimo inverno. Non sono bastati i piazzamenti prestigiosi fra cui una vittoria a Chamonix in Coppa Europa.

ATLETA DI ‘INTERESSE NAZIONALE’ – Riccardo Tonetti non è stato inserito in squadra nazionale ma invece fra gli atleti considerati di ‘interesse nazionale’, scelta che in primavera ha fatto discutere tifosi e opinione pubblica. Il direttore tecnico Claudio Ravetto ha scelto infatti di inquadrarlo in questo modo ed inserirlo da settembre con la formazione di Jacques Theolier. Tonetti tuttavia, dopo la comprensibile delusione iniziale, ci ha dato subito dentro comunque e si sta allenando sodo. Squadra o ‘interesse nazionale’, ma cosa cambia ci si potrebbe chiedere? Il punto focale per essere in squadra si chiama Argentina, si chiama training su condizioni invernali a Ushuaia.

STELVIO CON LA FINANZA E FAHRNER – Eccolo Tonetti: «Penso proprio che a questo punto non volerò in Terra del Fuoco. Continuo il mio lavoro con fiducia e tanti stimoli, mi sto allenando bene e cercherò di essere pronto per settembre allora. Mi sto alternando fra le Fiamme Gialle con il tecnico Roberto Fontanive e poi privatamente con Daniel Fahrner. Ora sto ultimando un periodo di lavoro allo Stelvio, in agosto avrò la possibilità di misurarmi anche con Patrick Thaler che ha scelto di non andare in Argentina ed è seguito da Daniel. Obiettivi? Ho chiuso la stagione in Coppa del Mondo, lavoro proprio per ripartire dalla massima serie».

2 COMMENTI

  1. Siamo in attesa di rivedere lo stesso film a inizio stagione: contingenti in CdM non riempiti perchè non abbiamo atleti competitivi, risultati imbarazzanti negli esordi in CE. Quindi non un caso ma una scelta tecnica ben precisa. Non vorrei che essendo un anno olimpico il dt preferisca far gareggiare solo i primi 4 di specialità per non aver l'imbarazzo della scelta…(se poi qualcuno mi viene a dire che alle olimpiadi contano solo le madaglie rispondo già che allora si portino solo 4 atleti in tutto, perchè i medagliabili sono solo quelli e lo sappiamo bene).
    Speriamo inoltre che il decoro eviti di aggregare in Argentina, figli, nipoti, cugini… lasciando a casa i nostri giovani (abbiamo poi visto che i risultati con la preparazione estiva completa arrivano! Strano, vero?)