Svindal, arrivederci a Wengen o a Kitzbuehel? Piccolo stop per Janka

Aksel Lund ha saltato la tappa di Santa Caterina, il suo ginocchio martoriato fa male e non sta ancora bene, ma il norvegese sta seguendo un programma d'allenamento individuale. Per lo svizzero, sosta programmata: l'obiettivo è arrivare al top ai Mondiali di St. Moritz che scatteranno il 7 febbraio 2017

0
Svindal si era rialzato rassicurando tutti
Svindal si era rialzato rassicurando tutti ©Agence Zoom

Altre news importanti dal Circo Bianco dopo quelle relative a Julia Mancuso e Lindsey Vonn. Il fuoriclasse norvegese Aksel Lund Svindal potrebbe tornare in gara a Wengen dopo il riacutizzarsi dei dolori al ginocchio, dovuti in parte al terreno mosso in Val Gardena, che gli hanno fatto saltare la tappa di Santa Caterina. A Wengen si gareggerà il 13 gennaio 2017 in combinata, il 14 in discesa, il 15 ovviamente in slalom dove Aksel non sarà della partita. Intanto prosegue bene l’allenamento individuale che sta seguendo da fine dicembre. Tra Wengen e Kitzbuehel lo rivedremo sicuramente in gara, anche se il suo ginocchio non sarà mai come prima e i rischi da correre sempre elevati.

Aksel Lund Svindal, Kjetil Jansrud o©Agence Zoom
Aksel Lund Svindal, Kjetil Jansrud o©Agence Zoom

JANKA – Salterà invece la tappa di Adelboden Carlo Janka, reduce dal secondo posto nel gigante parallelo disputato in Badia. Per lui un periodo di stop, già programmato semplicemente per riposarsi, ora, e raggiungere l’apice della forma per i Mondiali di casa, a St. Moritz, cui gli svizzeri tengono ovviamente tantissimo. Vedremo se poi la strategia si rivelerà azzeccata, ma Janka in passato è già stato in grado di conquistare titolo iridati (in gigante a Val d’Isere 2009) e olimpici (a Vancouver 2010). Quindi, sa come si preparano certi appuntamenti…

Il podio del gigante parallelo in Alta Badia ©Agence Zoom
Il podio del gigante parallelo in Alta Badia ©Agence Zoom

 

 

 

Articolo precedenteNel gigante di Auron successo di Antonio Fantino
Articolo successivoEnorme Manfred
Gianmario Bonzi
REDATTORE - Milanese, 39 anni, laureato in Lingue, sposato con Laura e papà di Giulia, appassionato di tanti (troppi) sport da sempre, amante delle discipline americane, è transitato attraverso esperienze nei quotidiani (Il Giorno, per il quale scrive ancora, Tuttosport, freepress), in Radio (Radio 24, AGR), Internet (Leonardo) e dal 2009 ha trovato la sua dimensione come telecronista di diverse discipline (sci, nuoto, tuffi, scherma, pallavolo, pallanuoto ecc.) su Eurosport Italia. Ma continua ad amare anche la scrittura alla follia e dall'aprile 2014 collabora con Race ski magazine