Super-Herbst nella prima manche di Kitzbuehel

0
102

Secondo posto per Manfred Moelgg, ottavo per Giuliano Razzoli

Fondo duro e compatto sulla Ganselrn di Kitzbuehel per la prima manche dello slalom speciale, che determinerà anche la classifica della combinata del trofeo dell’Hahnenkamm. Atmosfera sonnolenta, come al solito, con i tifosi che raggiungono lentamente la pista dopo la notte di festa del sabato sera per le strade di Kitz. Ma in pista i ritmi sono stati tutt’altro che sonnolenti: Reinfried Herbst ha ancora il dente avvelenato per l’uscita nella seconda manche della stagione scorsa dopo aver dominato la prima manche e ha concluso con 41 centesimi di vantaggio sul primo degli inseguitori, l’azzurro Manfred Moelgg, che da queste parti riesce sempre a trovare un feeling particolare. Alle sue spalle due atleti in crescita, Neureuther e Myhrer, quandi Hargin e Lizeroux. Ottavo posto per Giuliano Razzoli, a 1.22 da Herbst. Il Razzo è partito forte, miglior tempo in alto, poi ha tirato i remi in barca, accontentandosi di tagliare il traguardo. Lo aspettiamo nella seconda manche. Nono posto per Kostelic, ‘frenato’ dalla voglia di vincere la combinata (100 punti e tanti soldi).
Qualificato per il rotto della cuffia Cristian Deville, ventottesimo a 2.88, mentre sono finiti fuori dai trenta un abulico Patrick Thaler (l’anno scorso salì sul podio in questa gara) e Stefano Gross. Christof Innerhofer non ha concluso la gara, mentre Dominik Paris, in pista per la combinata, ha concluso a oltre 7 secondi e mezzo.
A BREVE L’AGGIORNAMENTO LIVE DAL NOSTRO INVIATO A KITZBUEHEL.

Articolo precedenteLe azzurre per il gigante di Cortina
Articolo successivoSchladming, la vigilia degli azzurri
Gabriele Pezzaglia
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...