Stelvio, il primo giorno di scuola

0
175

Sul ghiacciaio del Livrio le discesiste iniziano la stagione

Il primo giorno di scuola per le ‘Jet rosa’, e noi non potevamo certo mancare: Elena Fanchini, Daniela Merighetti, Johanna Schnarf, ma anche Elena Curtoni e Francesca Marsaglia che nominalmente sono nel team della Coppa Europa, hanno effettuato il primo dei quattro giorni in programma sulle nevi perenni del Passo dello Stelvio. Assenti invece le infortunate Nadia Fanchini e Lucia Recchia, la grande novità del team della velocità femminile di Coppa del Mondo è rappresentata dalla nuova guida tecnica: stiamo parlando di Raimund Plancker il nuovo allenatore responsabile del gruppo, e con il carabiniere gardenese c’è anche David Fill, con cui ha condiviso gli anni con il gruppo Coppa Europa maschile. L’unico ‘superstite’ della squadra dell’anno scorso è Luigi Parravicini, oltre agli skiman Nicolò Concari, Mauro Sbardellotto ed Eros Belingheri, questi ultimi due assenti. Alle 7.35 le ragazze sono già sullo skilift del Geister. C’è il sole, ma ancora per poco, perché dopo nemmeno un’ora una fitta coltre di nebbia ha sovrastato il ghiacciaio del Livrio rendendo il manto nevoso ai limiti della praticabilità. Però poco importa: non c’è da cimentarsi in picchiate da capogiro, ma in programma ci sono campo libero ed esercizi fra i ciuffetti per ritrovare il feeling con la neve. “Finalmente siamo partiti, in questi quattro giorni campo libero ed esercizi con gli sci da slalom per ritrovare sensibilità, equilibrio e centralità, e poi un primo allenamento per conoscerci, parlare e pianificare il futuro”, ci ha detto Raimund Plancker. Domani ancora sulla neve, e le condizioni dovrebbero essere migliori.

Articolo precedenteLa Commissione Giovani a Stefano Dalmasso
Articolo successivoStelvio, secondo giorno
Gabriele Pezzaglia
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...