St. Moritz, Weirather domina la seconda prova

0

Tutte le big davanti, ottima Nadia Fanchini: nona

Si avvicinano i Mondiali di sci alpino (Vail/Beaver Creek, 2-15 febbraio 2015) e le migliori velociste del circuito stanno arrivando alla forma ottimale. Tra queste, Tina Weirather, per esempio, che non aveva iniziato benissimo la stagione del rientro, tutt’altro, se si eccettua un podio in discesa ottenuto a Lake Louise. Ebbene, la figlia d’arte, del Liechtenstein, è andata bene nel superG conclusivo di Cortina e sembra trovarsi ottimamente anche sulla pista ‘Engiadina’ di St. Moritz, che per altro l’aveva già premiata in passato: miglior tempo per lei nella seconda e ultima prova cronometrata, 1’45”01. 

TRAINING – Seconda Anna Fenninger, ieri molto più indietro, a soli 0”11 centesimi; terza Goergl a 44 centesimi, poi Rebensburg, terza, Vonn, Hosp, Maze, Gut e quindi la prima delle azzurre, Nadia Fanchini, nona e sempre più a suo agio in discesa, staccata di 1”18. Chiude la top ten la talentuosa norvegese Mowinckel, decima a 1”27 con pettorale n.33. Attenzione, però: Goergl, Rebensburg e Fenninger hanno saltato una porta. 

LE ALTRE – Ventesima Fabienne Suter, 22esima Elena Fanchini, 23esima Ross, 26esima Huetter. Fuori dalle trenta Verena Stuffer, Johanna Schnarf, Francesca Marsaglia, Elena Curtoni e anche la giovane gardenese, classe ’96, Nicol Delago, brava però a chiudere 35esima all’esordio fra le grandi. Domani andrà a caccia dei primi punti in Coppa del Mondo.

CONDIZIONI – Attenzione però, come sempre a St. Moritz, alle condizioni del tempo, che spesso cambiano repentinamente e possono velocizzare la pista e favorire anche chi scende con pettorali molto alti. In ogni caso le previsioni per sabato (discesa libera) e domenica (superG) sono decisamente buone. 

 

Articolo precedenteSt. Moritz. Skaardal assente, lo sostituisce Hujara
Articolo successivoGS FIS, Manfrini ancora secondo a Siusi
REDATTORE - Milanese, 39 anni, laureato in Lingue, sposato con Laura e papà di Giulia, appassionato di tanti (troppi) sport da sempre, amante delle discipline americane, è transitato attraverso esperienze nei quotidiani (Il Giorno, per il quale scrive ancora, Tuttosport, freepress), in Radio (Radio 24, AGR), Internet (Leonardo) e dal 2009 ha trovato la sua dimensione come telecronista di diverse discipline (sci, nuoto, tuffi, scherma, pallavolo, pallanuoto ecc.) su Eurosport Italia. Ma continua ad amare anche la scrittura alla follia e dall'aprile 2014 collabora con Race ski magazine