St. Moritz donne, il pagellone di Race Ski Magazine

Alle Finali il podio di Elena Curtoni illude l'Italia femminile, ma resterà l'unico in quattro gare. Qualcosa di meglio era lecito attendersi

0
Elena Curtoni sul podio a St. Moritz @Zoom Agence

DISCESA ST. MORITZ

Elena Curtoni, voto 9: probabilmente anche un po’ fortunata con le condizioni meteo e il numero di partenza, ma ci ha messo tanto del suo quest’anno in discesa. Certo, chi l’avrebbe mai detto che il primo podio sarebbe arrivato proprio in questa specialità fino a pochi mesi fa? Che sia un punto di partenza.

Johanna Schnarf, voto 8: chiude la sua miglior stagione in carriera per continuità con un’altra top10 in libera. Brava!

Verena Stuffer, voto 7,5: sesta, miglior risultato in assoluto in discesa. Benissimo. Stagione però di alti e bassi. Perché?

Nadia Fanchini, voto 8: per la stagione in discesa, ovviamente, non per la gara a St. Moritz. Chiude fuori dalla zona punti, ma sesta nella classifica di una specialità che voleva abbandonare e che le regalato il ritorno al successo dopo quasi otto anni…

Elena Fanchini, voto 4,5: un paio di acuti, per il resto stagione molto difficile per Elena. E lo scorso anno vinceva a Cortina…

Francesca Marsaglia, voto 5,5: uscita ‘da polla’ a St. Moritz, ma è entrata nelle dieci anche in questa specialità.

Daniela Merighetti, voto 10: chiude la sua carriera facendo prendere un bello spavento a tutti, ma da leonessa, scendendo per dare il massimo. Ci mancherà…

SUPERG ST. MORITZ

Federica Brignone, voto 6,5: a St. Moritz non sbaglia niente, ma forse non osa come al solito. Per il resto, sempre nelle dieci nella specialità, con una vittoria, tranne il 13esimo posto di Lenzerheide. Meglio di così, quest’anno, difficile aspettarsi nella disciplina. In futuro, può crescere parecchio.

Johanna Schnarf, voto 6: sfortunata, un sasso le ha rotto la lamina a St. Moritz. Ha sfiorato il podio due volte in stagione nella specialità, chiude tra le dieci della classifica finale. Resta sempre la sensazione che valga di più dei risultati che ottiene…

Nadia Fanchini, voto 6: A punti a St. Moritz, nulla più. Ha perso per un centesimo un piazzamento tra le prime tre, a Zauchensee. Tre top 10, un po’ in calo nel finale di stagione.

Francesca Marsaglia, voto 5,5: chiude 16esima in Svizzera. Per il resto, tre top10. Bene, non benissimo.

Elena Fanchini, voto 5: un solo acuto in stagione in superG, le è valso comunque l’accesso alle finali.

Elena Curtoni, voto 5: butta via probabilmente un altro piazzamento tra le cinque sbagliando in uscita dalla compressione. Peccato. Come per Marsaglia, le serve trovare continuità.

Sofia Goggia, voto 5: sbaglia nello stesso punto di Elena Curtoni. Da polla…

SLALOM ST. MORITZ

Federica Brignone, voto 5: si risveglia nella seconda manche, nella prima perde troppo in fondo. Occasione buttata. Quanto meno, nel finale di stagione qualcosa di buono si è visto.

Chiara Costazza, voto 4: una sola gara discreta, a Jasna. Per il resto, buio pesto.

Irene Curtoni, voto 5: esce dopo poche porte. Eppure sta bene, lo dimostrerà nella seconda manche in gigante. Allora perché riesce a fare una gara buona su tre?

GIGANTE ST. MORITZ

Federica Brignone, voto 6,5: peggior piazzamento in stagione, oltre alle due uscite. Ma l’annata ovviamente è molto buona. Sbagliando meno, potrà lottare per la coppa di specialità.

Marta Bassino, voto 6,5: quarta top 10 in stagione. A 20 anni, va bene. Ma alzi la mano chi non si aspettava un podio quest’anno dalla cuneese… Potenziale intatto, non è arrivato il salto di qualità atteso. Perché?

Nadia Fanchini, voto 5,5: a punti a St. Moritz, ma da questa disciplina Nadia si aspettava ben altro nell’annata.

Irene Curtoni, voto 6: seconda manche vicina alla Rebensburg. L’avesse fatto anche nella prima, staremmo festeggiando il suo secondo podio in Coppa. Ieie ci fa arrabbbiare! Sembra che abbia bisogno sempre di una ‘scossa’ per tirare fuori tutto il potenziale. Che tra le porte larghe è alto…

Elena Curtoni, Francesca Marsaglia, Sofia Goggia, voto 5: prima manche da dimenticare. Seconda migliore, ma non è bastato.

Manuela Moelgg, voto 5: dolorante a un ginocchio, chiude male una stagione con pochi acuti, tutti in gigante. Ci sarà anche il prossimo anno.

 

Articolo precedenteCriterium Cuccioli, La Grassa e Pellizzari firmano la gimkana
Articolo successivoItalia donne in crescita. Ma bisogna sviluppare il potenziale…
REDATTORE - Milanese, 39 anni, laureato in Lingue, sposato con Laura e papà di Giulia, appassionato di tanti (troppi) sport da sempre, amante delle discipline americane, è transitato attraverso esperienze nei quotidiani (Il Giorno, per il quale scrive ancora, Tuttosport, freepress), in Radio (Radio 24, AGR), Internet (Leonardo) e dal 2009 ha trovato la sua dimensione come telecronista di diverse discipline (sci, nuoto, tuffi, scherma, pallavolo, pallanuoto ecc.) su Eurosport Italia. Ma continua ad amare anche la scrittura alla follia e dall'aprile 2014 collabora con Race ski magazine