Slalomiste, obiettivo Levi. Prima Soelden, poi Senales

0

Nuovo raduno dal 4 novembre. Ci saranno anche Azzola, Benzoni, Pardeller

La squadra azzurra femminile di slalom e gigante non ha perso tempo dopo la gara sul Rettenbach, sabato 25. Domenica 26 ha… tifato per i maschi italiani, poi lunedì 26 e martedì 27 si è allenata subito, sempre a Sölden, in slalom, con l’obiettivo, ci dice Livio Magoni, di «riprendere immediatamente il ritmo, sciando bene, senza forzare, ma controllando i fondamentali della sciata di ognuna». 

MORALE – «Le ragazze erano tutte con il morale e la testa alta, siamo stati anche fortunati con le condizioni della neve, ‘aggressiva’ come probabilmente sarà anche a Levi . Prossimo ritrovo il 4 novembre, al mattino, in Val Senales, dove scieremo per quattro giorni, sempre in slalom, ma inserendo anche prove di parallelo. Sarà con noi anche la squadra ‘C’, così daremo un’occhiata alle più giovani in questa disciplina». 

AZZOLA – E in Alto Adige si rivedrà con la squadra anche Michela Azzola, già tornata come ‘turista’ a Sölden, dove ha sciato in campo libero, anche se ancora il ginocchio sinistro, operato a maggio, non risponde come vorrebbe, soprattutto quando il terreno è più mosso. Nella prima settimana di novembre saranno valutate meglio le sue condizioni.

LEVI
– Per Levi l’Italia femminile ha sei posti a disposizione (5 come le atlete presenti tra le prime sessanta dell’ultima classifica in slalom di Coppa del Mondo, più il posto fisso che spetta per regolamento a ogni nazione), con Costazza, Irene Curtoni, Manuela Moelgg, Federica Brignone e Nicole Agnelli che dovrebbero essere sicure al 100%. Per la sesta, vedremo chi potrà essere della partita, magari tra Marta Benzoni, Sabrina Fanchini, Elena Curtoni, Sarah Pardeller o una giovanissima. 

 

Articolo precedenteTerminata la tre giorni di Soelden per i ‘jet’ azzurri
Articolo successivoMaze ed Energia Pura, la collaborazione cresce
REDATTORE - Milanese, 39 anni, laureato in Lingue, sposato con Laura e papà di Giulia, appassionato di tanti (troppi) sport da sempre, amante delle discipline americane, è transitato attraverso esperienze nei quotidiani (Il Giorno, per il quale scrive ancora, Tuttosport, freepress), in Radio (Radio 24, AGR), Internet (Leonardo) e dal 2009 ha trovato la sua dimensione come telecronista di diverse discipline (sci, nuoto, tuffi, scherma, pallavolo, pallanuoto ecc.) su Eurosport Italia. Ma continua ad amare anche la scrittura alla follia e dall'aprile 2014 collabora con Race ski magazine