Slalom Meribel, guida Hansdotter a meta' gara

0

Seconda Shiffrin, bene Maze. In ritardo Fenninger, azzurre male

Prima manche del decimo e ultimo slalom stagionale particolare, a Meribel, su un pendio finalmente difficile, quanto meno nella prima parte, visto che è tutta sul ripido. Neve ‘saponosa’, non semplice da interpretare. Guida Frida Hansdotter, scesa con il n.1 e non è un caso, anche se la svedese ha tirato comunque fuori una delle prove migliori in stagione, per pulizia di sciata, grinta, linee, velocità. Seconda Shiffrin, a soli 7 centesimi: partita con margine, per trovare il ritmo nelle prime porte, come sempre, l’americana non ha poi cambiato marcia e sciata nella seconda parte. In ogni caso, è lì, attaccata a Frida, sulla quale vanta 90 punti di vantaggio per conquistare la terza coppa di specialità consecutiva in slalom. Tutto è ancora possibile, in caso di successo della svedese e clamorosa uscita dell’americana. Con altri scenari, coppa all’atleta del Colorado, che però non si deve distrarre. 

GARA – Prova comunque divisa in due ‘tronconi’: le prime cinque sono racchiuse in 83 centesimi, tutte le altre, vicine tra loro, sono già a oltre un secondo. Terza è Zuzulova, in gran forma pur su un pendio meno adatto alle sue caratteristiche, quarta un’ottima Maze a 0’’61, brava a inizio e fine manche, un po’ meno in fondo, quinta Strachova a 0’’83. La slovena ha tirato fuori una prova di grande orgoglio e oggi si gioca tanto in ottica Coppa del Mondo. L’obiettivo è il podio, ma dovrà tirare a tutta nella seconda manche per centrarlo: dovesse farcela, renderebbe ancora più intrigante il gigante di domenica. Dietro le magnifiche cinque, ecco, tra le prime 10, Zettel, Holdener, Thalmann (conferma), Duerr (ritrovata) e Hosp. Fenninger, scesa con pettorale 25, è sembrata decisamente in difficoltà su questa neve e questo pendio, tra i Rapid Gates, rispetto a Bansko, e ha chiuso solo 22esima, a 2’’53 dalla Hansdotter. Il 15esimo posto, che le serve per andare a punti (come minimo) è distante quasi un secondo. L’impresa sembra ardua, onestamente. 

ITALIA – Male le azzurre, in linea con quanto visto in stagione: 18esima Costazza, 21esima Moelgg, entrambe lontane dalle primissime, non troppo dalle migliori dieci. Speriamo in un sussulto nella seconda manche. Prevista alle 11.30, con diretta su RaiSport1 ed Eurosport1.  

 
 

Articolo precedenteMeribel, in scena l'ultima di Simoncelli?
Articolo successivoMeribel, Kristoffersen al comando in gigante. 8. Nani
REDATTORE - Milanese, 39 anni, laureato in Lingue, sposato con Laura e papà di Giulia, appassionato di tanti (troppi) sport da sempre, amante delle discipline americane, è transitato attraverso esperienze nei quotidiani (Il Giorno, per il quale scrive ancora, Tuttosport, freepress), in Radio (Radio 24, AGR), Internet (Leonardo) e dal 2009 ha trovato la sua dimensione come telecronista di diverse discipline (sci, nuoto, tuffi, scherma, pallavolo, pallanuoto ecc.) su Eurosport Italia. Ma continua ad amare anche la scrittura alla follia e dall'aprile 2014 collabora con Race ski magazine