Slalom a Schwarz. Baruffaldi e Testa nei venti

Nani invece deraglia a Coronet Peak

0

Un altro slalom sfortunato per Roberto Nani: il livignasco infatti, nonostante a sette decimi dalla vetta dopo la prima manche, è uscito nella seconda sessione fra le ‘porte strette’ di Coronet Peak. Sulle nevi neozelandesi a gioire è l’Austria: infatti vince Marco Schwarz, che ha preceduto il compagno di squadra di 43 centesimi Manuel Feller. Sul gradino più basso del podio lo svizzero Marc Gini a 68.

BARUFFALDI DICIOTTESIMO – Il migliore italiano è stato il portacolori delle Fiamme Gialle Stefano Baruffaldi: il lecchese di Dervio ha chiuso diciottesimo, in recupero dopo la prima frazione dove si era piazzato oltre il trentesimo posto. Bel recupero per ‘Baru’ insomma. Il bergamasco della ‘banda Castoldi’ Andrea Testa, tesserato per lo sci club Goggi, risale cinque posizioni e si attesta al ventesimo posto. L’orobico si era praticamente fermato nella prima manche: un peccato, perchè in allenamento è molto vicino agli statunitensi e a Marc Gini e al plotone svizzero. Intanto Ivan Codega, lecchese in forza al Livigno, chiude venticinquesimo. Francesco Gori out la prima manche, con Nani fuori la seconda anche Pietro Gori.