Simoncelli, stop almeno fino a settembre

1
1531

Les 2 Alpes Live – L'azzurro ha perso sei chili di muscoli

Sono passate tre settimane dal brutto infortunio all’addome. Davide Simoncelli è tornato a Les 2 Alpes dopo l’operazione e il ricovero a Grenoble. E’ dimagrito ‘Simo’, ha perso sei chili di massa muscolare. Un brutto incidente, nonostante la caduta sia stata una semplice ‘internata’, una scivolata nella norma. Ma il destino ha voluto che quell’impatto gli abbia perforato l’intestino. «Una caduta quasi banale, è vero, invece…»,fa sapere il poliziotto di Rovereto, che si trova a Les 2 Alpes con Irene Curtoni. «Non è facile dire quando potrò tornare a sciare, adesso devo pensare a recuperare. Credo che per almeno un mese e mezzo dovrò stare ancora a riposo assoluto, al massimo sto facendo un po’ di cyclette ed elettrostimolazione. Solo esercizi elementari: la ferita si deve rimarginare, adesso è ancora presto». Dopo i problemi al ginocchio e alla schiena, sembrava che ‘Simo’ avesse lasciato sfortuna e guai fisici alle spalle. Non è stato così. «Ora c’è il problema della ferita, ma so che guarirò. Il problema è però vedere in che stato sarà la mia schiena dopo questa inattività. Ho sempre convissuto con acciacchi del genere, ho sempre fatto i miei esercizi, sviluppando soprattutto proprio gli addominali per contrastare le problematiche alla schiena. Adesso la zona addominale è fuori uso, non ci voleva proprio». Difficile sapere quando tornerà sugli sci, l’obiettivo principale è il recupero. Ora intanto è tempo di riposo, riposo forzato. Coraggio ‘Simo’, c’è da vincere un’altra battaglia. Tu ormai ci sei abituato…

Articolo precedenteAlex Zingerle con Voelkl
Articolo successivoSvindal: Nuova Zelanda sì, Nuova Zelanda no…
Gabriele Pezzaglia
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...

1 COMMENTO

  1. non rimane che attendere e augurare a Simo di recuperare quanto prima
    Un atleta da prendere ad esempio per chi non molla mai ed il rimpianto per un gigantista puro che se supportato dal fisico e da un pò più di fortuna, avrebbe potuto occupare un posto nella storia di questa specialità