Siegmar Klotz vince la discesa di Les Orres

0
160

Sempre più in alto Siegmar Klotz: dopo il podio di Wengen e il secondo posto di ieri, il ventiduenne altoatesino di Lana si ripete a Les Orres con un’altra grande prestazione. Questa volta, nel recupero della seconda discesa del Lauberhorn, arriva la prima vittoria in  carriera, davanti agli svizzeri Cornel Zueger e Ralf  Kreuzer. L’allenatore responsabile del gruppo Coppa Europa Raimund Plancker esulta: "Finalmente si è sbloccato, lo conosco bene, ha talento Klotz. L’ho allenato tre anni in Comitato Alto Adige, oltre che oggi in squadra. Credetemi, non è una meteora". Dominik Paris, che ha staccato il biglietto per Vancouver, oggi non era in pista. Lo rivedremo domani nel superG, dopo l’ottavo posto di ieri. Intanto Silvano Varettoni chiude nono, Paolo Pangrazzi undicesimo, Massimo Penasa quattordicesimo e Stefan Thanei sedicesimo. 

"Non pensavo proprio di vincere già durante questa stagione – ribadisce Klotz – Faccio sempre fatica ad ingranare ad inizio stagione, come so bene che gennaio è sempre stato il ‘mio’ mese preferito. Certo, da qui a fare due podi ed una vittoria..". Davvero incredulo, davvero allo stesso tempo euforico. "Oggi è un grande giorno, la pista mi piace, sono uno scorrevole, sensibile, mi piace tanto la velocità". E anche un po’ sbadato. "E’ vero, ho dimenticato il cellulare", afferma. Forse presagio della vittoria e una mossa per evitare le chiamate dei giornalisti? Sigi "la slitta" pensa già al superG, e dopo il podio corre in albergo: pranzo veloce e subito a fare atletica con l’amico Paris. A marzo vola in Norvegia per la Coppa del Mondo? "No, l’obiettivo adesso è il posto fisso". Sarà pure sbadato, ma il ragazzo ha le idee chiare.

Articolo precedenteKlotz sul podio a Les Orres
Articolo successivoDidier Cuche operato sabato a Zurigo
Gabriele Pezzaglia
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...