Serra, Capitan Futuro: «E io salo…»

La Finlandia del tecnico piemontese fra raduno sciistico in Norvegia e stage atletico a Lignano

0
Alessandro Serra 'sala' in Norvegia

Alessandro Serra, il nostro Capitan Futuro, ha scelto per una dozzina di giorni il ghiacciaio norvegese di Juvas/Galdhoppigen per l’allenamento di Sandell&compagni. Il confermatissimo coach del team Finlandia di Coppa del Mondo ha scovato in Scandinavia una località per allenarsi su condizioni particolari.

PAROLA AL CAPITANO – Ed ecco cosa ci ha detto il tecnico valsusino: «Se guardiamo la passata stagione, la metà dei giganti nella massima serie è stata effettuata in condizioni di neve trattata con sale. Così ho scelto questo ghiacciaio norvegese che non supera i 2400 metri e dove spesso c’è vento e piove, così si può salare la neve per indurirla e allenarsi su situazioni che abbiamo trovato e potremmo ancora incontrare nel prossimo inverno. Sono state davvero poche le occasioni di gigante con manto ghiacciato da barratura o da temperature oltremodo rigide nel 2016 agonistico. E’ stato un allenamento efficace in Norvegia, anche duro dal punto di vista mentale. Infatti i ragazzi hanno sciato sovente sotto la pioggia e al vento».

ADESSO TRAINING A SECCO A LIGNANO – Ora la Finlandia di Serra ha raggiunto la veneta Lignano per un raduno atletico: i ragazzi del Capitano soggiornano al Villaggio GE.TUR e l’organizzazione è griffata Azzurro 2000. Ancora Serra. «Un grazie per l’organizzazione ed in particolare a Tiziana Candoni del Bachmann di Tarvisio. Dopo il periodo sulla neve ora è importante un richiamo a secco».

DAL 23 AUSTRIA – Dal 23 la Finlandia del Capitano raggiungerà l’Austria per altri dieci giorni di sci. Chiude Serra: «Dobbiamo decidere se Moeltall o Hintertux. Dalla prossima trasferta parte l’operazione Soelden. E Marcus Sandell, nonostante i soliti problemi con cui convive da sempre, sembra in palla… Prima di recarci in Austria però, andremo in Nordica per lavorare sul nuovo scarpone. Training e cura dei dettagli sul materiale devono andare di pari passo».