Schnarf: 'Sorpresa dal mio tempo'. Merighetti: 'Tosta'

0

La squadra americana è tutta influenzata, Vonn compresa

Esattamente come nel 2012, la pista da discesa ‘Franz Klammer’ di Bad Kleinkirchheim si è rivelata estremamente impegnativa per le atlete, oltretutto su un terreno molto mosso e con neve ghiacciata. Al termine della prima prova, vinta da Tina Weirather davanti a due azzurre, Schnarf ed Elena Fanchini, si nota incredibilmente la mancanza di un’atleta americana tra le prime 30 della classifica finale. 

MALATTIA – Ma il motivo è presto spiegato: tutta la compagine a stelle strisce di velocità è stata colpita da influenza, settimana scorsa, e nemmeno Lindsey Vonn è rimasta immune. «Soffro ancora di mal di gola e mal di testa, oggi ho cercato solo di ‘studiare’ le linee – ha detto poi la vincitrice di 61 gare in Coppa del Mondo alla Federazione internazionale -. Ero senza energie nel finale, ovviamente non ho sciato bene, tutt’altro, ma almeno conosco meglio la pista, adesso». 

SCHNARF – «Non pensavo di aver fatto un tempo così buono, sinceramente – ha detto l’azzurra al sito ufficiale FIS – mentre scendevo non riuscivo a mantenere gli sci piatti sulla neve. La pista è molto mossa e ghiacciata». 

MERIGHETTI – «Davvero difficile – ci dice invece ‘Dada’ subito dopo la sua prova – esattamente come tre anni fa. Prime porte praticamente impossibili da fare, con sci lunghi 216cm, poi la parte sul piano non crea problemi e quindi di nuovo non ci si mette più in posizione fino al traguardo. Da metà fino alla fine ‘sbatte’ davvero tanto».
 
 

 

Articolo precedenteBella Italia in prova a Bad Kleinkirchheim
Articolo successivoWengen, sfreccia Schweiger. Ottavo Klotz, poi Pangrazzi
REDATTORE - Milanese, 39 anni, laureato in Lingue, sposato con Laura e papà di Giulia, appassionato di tanti (troppi) sport da sempre, amante delle discipline americane, è transitato attraverso esperienze nei quotidiani (Il Giorno, per il quale scrive ancora, Tuttosport, freepress), in Radio (Radio 24, AGR), Internet (Leonardo) e dal 2009 ha trovato la sua dimensione come telecronista di diverse discipline (sci, nuoto, tuffi, scherma, pallavolo, pallanuoto ecc.) su Eurosport Italia. Ma continua ad amare anche la scrittura alla follia e dall'aprile 2014 collabora con Race ski magazine