Rulfi: 'Mi aspetto tanto da Marsaglia, Fill e Heel'

0

Presentazione superG Beaver Creek – Jansrud pronto per il poker?

 Tre gare veloci finora archiviate e tre successi di Kjetil Jansrud. Il favorito numero uno per oggi non può che essere ancora una volta il norvegese che in questo inizio di stagione ha ‘divorato’ tutti gli appuntamenti di superG e discesa disputati. Oggi il circuito maschile di Coppa del Mondo sarà impegnato nel superG di Beaver Creek, il secondo della stagione. Teatro di gara sarà ancora una volta la spettacolare, quanto tecnica ‘Birds of Prey – Golden Eagle’. La partenza è posta ai 3337 metri con arrivo a quota 2730 metri, dopo 607 metri di dislivello e 1850 metri di gara. Le 40 porte (36 cambi di direzione) sono state posizionate dal responsabile dei ‘jet’ azzurri Gianluca Rulfi. 69 concorrenti al via con numero 1 per il canadese Manuel Osborne-Paradis e ultimo a partire lo slovacco Andreas Zampa.

PRECEDENTI EDIZIONI – Il primo superG a Beaver Creek è stato corso nel 1988 con la vittoria del francese Franck Piccard sul tedesco Markus Wasmeier e su Marc Girardelli. L’Austria ha quasi sempre dominato le successive edizioni con due successi per Hermann Maier e, negli stessi anni (1997 e 1999) due secondi posti di Stephan Eberharter. Nel 2004 è arrivata la vittoria di Stephan Goergl, seguito nel 2005 e 2007 da Hannes Reichelt. Ancora Austria nel 2010 con Georg Streitberger sul primo gradino del podio. La Svizzera ha vinto tre volte, nel 2002 con Didier Cuche, nel 2011 con Sandro Viletta e lo scorso anno con Patrick Kueng. I norvegesi vantano invece due successi con Bjarne Solbakken (2003) e Aksel Lund Svindal nel 2008.

ITALIANI – Sulla ‘Birds of Prey’ l’Italia ha vinto nel 2012 con Matteo Marsaglia, mentre lo scorso anno Peter Fill concluse al terzo posto a pari merito con l’austriaco Hannes Reichelt. ‘Rulfus’ e lo staff italiano, oggi, si aspettano molto proprio da questi due atleti, ma anche da Werner Heel, settimo nella discesa di Lake Louise. «Da Marsaglia, Fill e Heel mi aspetto grandi cose – ha detto Gianluca Rulfi -. Il romano, in discesa, ha sciato molto forte sul ripido, con gli intermedi era davanti anche a ‘Inner». Dominik Paris cercherà una ulteriore conferma dopo i grandi risultati delle gare precedenti. Per lui, nel superG di oggi sarà difficile puntare al podio, ma non si sa mai. «Da Paris mi aspetto un piazzamento nella ‘top 10’ – ha proseguito Rulfi -. Sarebbe un gran risultato, il terreno è impegnativo». Saranno nove gli azzurri in gara. Heel partirà con il 2, Paris con il 7, 12 Innerhofer, 13 Fill, 26 Marsaglia, 39 Henri Battilani, 40 Mattia Casse, 60 Silvano Varettoni e 61 Siegmar Klotz.

RULFI SULLA DISCESA – Ancora il tecnico: «Paris davvero brillante in discesa, ha sbagliato e perso velocità, altrimenti era da podio, forse anche secondo. Per Innerhofer troppi errori e pochi chilometri sugli sci. Marsaglia bene solo sul muro però,Fill poco cattivo, Heel così e così, mentre Klotz, Varettoni e soprattutto Casse continuano a sciare sotto ogni aspettativa».

STRANIERI – Come detto il favorito numero uno sarà ancora una volta Kjetil Jansrud, al cancelletto di partenza con il pettorale 21. Attenzione anche a Otmar Striedinger, secondo nel 2013, con il ‘bib’ 16 e allo svizzero Patrick Kueng con il 17. Con il 14 tocca ad Hannes Reichelt, 18 Jan Hudec, 19 Matthias Mayer, 20 Didier Defago, 22 Max Franz, 23 Romed Baumann, 24 Marcel Hirscher, 25 Alexis Pinturault e 27 Ted Ligety.

DIRETTA TV – Il superG di Beaver Creek sarà trasmesso in diretta da Rai Sport 1 ed Eurosport 1 alle ore 19, con collegamenti 15 minuti prima.