Rulfi: 'Magico Paris ma anche la squadra c'e''

0

Il coach responsabile: 'Heel penalizzato dalla visibilita' scarsa'

L’allenatore responsabile Gianluca Rulfi esulta. Sa di essere il condottiero di una squadra che davvero non ha concorrenti al momento. L’anno scorso ha dominato in lungo e in largo la stagione della velocità. Il ‘dream team’ della velocità aveva vinto a Beaver Creek, superG e discesa, le libere di Bormio, Wengen, Kitz, Garmisch e l’argento iridato a Schladming. Ma ci rendiamo conto? Noi si, l’opinione pubblica forse non molto, visto che questi successi non hanno portato per il momento l’attenzione che il nostro mondo si merita. Ma non è finita qua signore e signori. Si riparte e si inizia a tutta. Canada, Lake Louise, un’altra ‘perla’, ancora con quel magico Dominik Paris che non finisce di stupire.

LA PAROLA A RULFI – Sentiamolo ‘Rulfus’: «Paris ha sciato in maniera spettacolare. E’ uno dei pochi al mondo che se se commette un errore ha quella sensibilità di lasciar correre lo sci e recuperare ogni sbavatura. E’ stato perfetto ed ha vinto un’altra gara in recupero. Eccezionale. Ma tutta la squadra oggi è andata forte. Werner Heel è settimo nonostante la scarsa visibilità, ed anche un ritrovato Peter Fill e Christof Innerhofere, quest’ultimo su una pista non proprio adata alle sue caratteristiche, sono andati molto bene. E’ partita un’altra stagione nel migliore dei modi. E a questo punto non ci resta che andare avanti così…». Il sogno insomma continua…Azzurri siete grandi!