Ronconi: 'Blardo? Convinto, determinato, professionale'

1
1242

Micotti: «E' nata una stella». Ravetto: «E' tornato a rischiare»

Forse ha ragione il preparatore atletico Vittorio Micotti che nel parterre di Crans Montana afferma: «E’ nata una stella». Si, perchè questo Blardone che ha vinto nuovamente, è davvero un nuovo ‘Blardo’. In squadra tutti adesso dicono che è una persona diversa, un nuovo uomo. Più malleabile, sereno, tranquillo, e soprattutto convinto dei propri mezzi. Tecnicamente è sempre stato fortissimo, adesso però rischia di più. E rischiando, lo si è visto nella seconda manche, riesce meglio a recuperare dagli errori. «Stava per toccare lo scarpone, poi è scivolato in un paio di occasioni, ma si è ripreso. Convinto, deciso, un caterpillar», afferma il direttore tecnico Claudio Ravetto. Si racconta che Simona ed il figlio in arrivo, lo abbiano reso più sereno, probabile. Ma la sua forza, la sua ‘cattiveria’ agonistica ritrovata, è stata stimolata da Walter Ronconi, il nuovo skiman, che è anche allenatore e pare anche amico. Eccolo il Walter da Bardonecchia: «Ha ritrovato fiducia in se stesso ed è maturato. Abbiamo fatto un grande lavoro, abbiamo testato dall’estate circa trenta paia di sci. Stiamo ancora usando quelli di quest’anno, è in forma, ora non vogliamo rompere gli equilibri, sta andando così forte che proveremo solo adesso i nuovi materiali. Quando allenavo Maria Rienda Contreras spesso si allenava con noi, lo consoco bene, adesso ovviamente meglio, molto meglio. Mi ha stupito la sua grande professionalità, è un gran lavoratore, attento e meticiloso. Poi da quest’anno è più convinto dei suoi mezzi, oltre ad aver fatto alcuni cabiamenti tecnici. Prima aveva il braccio interno troppo basso e aveva troppa fretta ad entrare in curva, così si intraversava spesso. Ora cerca più profondità in fase di curva. Comunque poca roba, è questione di ritrovata fiducia, di testa insomma».

1 COMMENTO