Reinfried Herbst è il re d'Austria

5
62

Doppietta austriaca davanti ad un pubblico incredibile. Quarto Moelgg

Se non vedi la Nightrace non ci credi. Uno spettacolo di pubblico che non è paragonabile a nessuno stadio sportivo. Oltre 50.000 persone assiepate a bordo della Planai due ore prima dell’inizio della gara, sotto una nevicata battente dalle prime ore del mattino. Migliaia e migliaia di vessilli austriaci che sventolano da ore incessantemente. A tutto questo si aggiunga una pista estremamente tecnica, dura, barrata, che non lascia spazio alla minima esitazione. In ricognizione si faceva fatica a stare in piedi sul lungo muro finale. Condizioni n cui si è esaltato Reinfried Herbst, che ha ottenuto la più importante prestazione sportiva della propria carriera, ‘demolendo’ letteralmente la concorrenza. Un secondo e sedici a Manfred Pranger, uno e ventitre a Kostelic, uno e cinquantasei al nostro Manfred Moelgg (terzo dopo la prima manche, superato da Kostelic nella seconda discesa). Una prova di grandissimo coraggio quella di Herbst, costellata di rischi e recuperi mozzafiato, senza tuttavia mai dare l’impressione di perdere il controllo della situazione. Pranger ha disputato due manche eccellenti, Herbst è stato semplicemente inavvicinabile. In questo momento non ha rivali, supportato anche da materiali che fanno davvero la differenza. I supporters austriaci non potevano sognare una serata migliore: ora la festa si è già spostata per le vie di Schladming: già 5 minuti dopo la gara ed era praticamente impossibile camminare per raggiungere la sala stampa. Ripeto, se non vedi la Nightrace, non ci sono parole che possano descrivere un evento del genere.

5 COMMENTI

  1. Forza ragazzi,bisogna aggiungere ancora un"pò di birra" ma ci siamo quasi!!!
    Che spettacolo fantastico!!!!!!!!!!
    Da noi in italia non assisteremo mai ad un evento del genere,da anni i soldi vanno al calcio con buonapace delle forze dell'ordine che servono per gestirlo nei disordini del prima,dopo o del durante partita.
    Figli della cultura buzzurra del pallone.Che tristezza!!!