Razzoli, continua il lavoro sui materiali

7
1495

Madesimo Live – L'olimpionico sta testando un nuovo scarpone

Al via oggi a Madesimo nel primo slalom in programma l’olimpionico Giuliano Razzoli. «Sto lavorando sui materiali, in particolare su una nuova scarpa. Il nuovo modello ha rigidità e plastiche diverse, mi trovo meglio rispetto a quest’inverno. Già a Madesimo ho usato questo modello, intanto il lavoro continua. Settimana prossima, condizioni meteo permettendo, testerò a Cervinia». Il reggiano di Villa Minozzo tuttavia non ha ancora firmato con Nordica, ma con molta probabilità non cambierà materiale.

Articolo precedenteIl ritiro di Ana Jelusic
Articolo successivoA Bormio e' tempo di corso allenatori
Gabriele Pezzaglia
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...

7 COMMENTI

  1. é possibile sapere su che numero sono state pubblicate le dichiarazioni di EP? E se è possibile trovare documentazioni o avere qualche delucidazione sugli studi e sull università che li sta conducendo? Grazie infinite

  2. Sui parastinchi, su race sono stati pubblicate le dichiarazioni di EP proprio a riguardo delle costolature (quei parastinchi sono in tutto e per tutto uguali a quelli belli della EP). Mentre sui paramani nessuna dichiarazione ufficiale è mai pervenuta dall'azienda costruttrice (Leki? o altro fasonista?).
    Sono d'accordo e s nota a prima vista che quella forma garantisce uno svincolo più rapido dal palo una volta colpito, ma quando poi appoggia la mano sulla neve, quella costolatura così pronunciata non è invece una fonte di attrito o peggio di deviazione della mano che striscia sulla neve/ghiaccio??

  3. … credo che EMANUELE potrebbe dare delle risposte MOLTO esaurienti. Sono comunque il frutto di una ricerca molto approfondita sulla perdita di velocità cauasata dagli attriti causati dall'impatto e svincolo del palo. La cosa è stata studiata e sviluppata con l'Università. Questa cosa ha incuriosito molti e molte squadre straniere se ne stanno interessando in quanto i risultati sono significativi. PS: notate le costolature sui parastinchi … fidatevi … funzionano.