"Ravetto? Un tecnico lungimirante, ma basta attacchi"

21
640

La parola a Daniela Ceccarelli, Consigliere federale

Ormai è ‘guerra’ totale fra il presidente Fisi Giovanni Morzenti e il direttore tecnico Claudio Ravetto. Siamo arrivati anche agli scambi epistolari sui mezzi di comunicazione, con Morzenti che parla dell’arroganza del tecnico piemontese in alcune circostanze, fra cui litigi ‘pesanti’ con il segretario generale Cartasegna e Daniela Ceccarelli, Consigliere federale. Ravetto sembra non volere accettare compromessi, mezzi misure: "Autonomia totale sulle scelte tecniche e di competenza della direzione agonistica, contratto triennale, rapporto diretto dei quadri tecnici con il Coni in vista di Sochi e ovviamente direzione unica maschi e femmine", continua a ripetere il dt da settimane. Daniela Ceccarelli chiamata in causa per dissidi con il direttore tecnico ci ha detto: "Il mio compito da Consigliere federale è sentire le esigenze delle atlete, anche perchè fino a nove mesi fa ero in squadra, credo che meglio di così…". Il famoso contrasto di cui parlava Morzenti nella lettera di ieri al Corriere della Sera dovrebbe essere riconducibile ad una trasferta di Coppa del Mondo, quando la Ceccarelli avrebbe chiesto di parlare con le atlete senza la presenza dello staff tecnico, ma il dt si sarebbe opposto perchè avrebbe ritenuto tutto ciò una mera operazione propagandistica, come se i dirigenti di una squadra di calcio comunicassero nello spogliatoio senza l’allenatore. Ma questo Ravetto è così osteggiato dai Consiglieri federali? Sentiamo sulla questione Daniela Ceccarelli: "Claudio è un tecnico preparato e lungimirante. Nelle squadre ha inserito i migliori allenatori, nulla da dire sull’operato. Un appunto però è doveroso, ossia non è possibile continuare ad andare avanti nella contrapposizione fra quadri tecnici e palazzo. Ognuno deve fare la sua parte, ognuno è necessario. Un grande Mondiale certo, ma senza polemiche poteva essere ancora migliore. Adesso però mettiamoci tutti davanti ad un tavolo è troviamo subito un punto d’incontro". E’ già troppo tardi forse?
 

Articolo precedenteCoppa Italia a Folgaria, ecco Nani nel gigante
Articolo successivoRoberto Nani ce l'ha fatta
Gabriele Pezzaglia
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...

21 COMMENTI

  1. Onestamente questa brava e fortunata signora non contribuisce a rasserenare gli animi. I consiglieri non fanno gli allenatori e quindi non hanno alcun diritto di parlare agli atleti in sostituzione del DT. La sua è stata un'invasione di campo e quindi non ha alcun diritto di dire a Ravetto che deve limitarsi a fare il suo lavoro senza discutere su quanto gli piomba sulla testa direttamente dal C.F. e dal presidente.
    Insomma da quale pulpito la predica. E' stata una buona atleta che ha saputo brillare dell'unica occasione offertagli dalla sorte. Per il resto badi a fare il suo lavoro di consigliere che non consiste certamente nel fare spogliatoio!

  2. Mi sembra Daniela abbia parlato correttamente.

    Che c'entra che vesta Colmar? Che lavori per la Rai? I consiglieri sono NON RETRIBUITI.Lei fa tutto alla luce del sole.

    Possiamo anche non condividere la sua vicinanza al Presidente, ma CI VUOLE RISPETTO per chi ha vissuto per lo sci e E CONTINUA A DIMOSTRARLO.

  3. Beh, voler parlare in esclusiva con le atlete senza la presenza del DT non è che contribuisca a raffrescare la temperatura dell'ambiente!

    Penso che la Cecca possa dare ancora qualche contributo in più come atleta che come consigliere… pensa te in che stato! Io, al posto dei consiglio FISI, farei lavorare un poco meno la lingua ed un poco di più il buon senso: pensi per bene cosa vuol fare e poi, con l'onestà intellettuale dovuta, chiarisca la propria posizione con un portavoce qualificato e dopo tiri dritto per la propria strada, come è giusto che faccia fino a che ne avrà il potere, ma occorre – appunto – FARE CHIAREZZA. Altrimenti ogni voce, ogni azzardo è lecito.

    Sulla questione Ravetto o Morzenti non so… non è che tutti ne parlino poi un gran bene (leggere l'articolo di Cotelli sul Race di febbraio: cacchio, pesantino….). Il fatto è che personalmente tra i due preferisco il DT perchè l'altro è oggettivamente impresentabile, almeno sino a che non si sarà lavato definitivamente i panni.

  4. @ZAZA – secondo me, se posso esprimere il mio giudizio da appassionata, il livore nei confronti della Ceccarelli manifestato in questi post non è rivolto alla sua persona. sicuramente è una ragazza seria che cerca di fare al meglio il suo lavoro. diciamo che la gente con cui parlo nel mondo dello sci è stanca di essere rappresentata da politici e politicanti, che il malcostume delle istituzioni si faccia sentire anche nello sport. automaticamente tende ad attaccare tutti quelli che stanno sul carro del cattivo, in questo caso Morzenti. Dico cattivo perchè mi sembra percepito come tale, non perchè abbia qualcosa verso di lui. non so se sono riuscita a spiegarmi…….

  5. A me sembra che la Ceccarelli abbia fatto delle considerazioni con atteggiamento sereno al di sopra delle parti, orientato in chiave costruttiva. A mio avviso, tanta acredine che traspare da alcune osservazioni probabilmente discende da frustrazioni personali irrisolte e che poco hanno a che fare con lo sport.

  6. dunque da quanto scrivete sembra che non sia solo Morzenti il problema, ma che tutti i suoi consiglieri siano più o meno della stessa pasta? beh, se si sono messi in lista con lui, ci sarebbe da stupirsi del contrario!

  7. quoto markus….
    in effetti chi l'ha votata aveva il tuo stesso pensiero, ma pare che la cadreghina cambi le persone.
    Basti pensare che in un consiglio federale Ravetto è proprio stato attaccato da Wedam, che fino a quando ha fatto l'allenatore si è sempre battutto per cose anche meno importanti.

  8. mi sembra che Daniela Ceccarelli, con l'esperienza che vanta da atleta, potrebbe portare qualcosa di nuovo alla Fisi, invece di allinearsi al volere di un presidente che cerca di sfasciarla mandando via le persone capaci come RAVETTO

  9. Scusate, ma non c'è limite alla vergogna. Questa ex atleta mi pare in aperto conflitto di interessi: 1. fa ancora parte di un gruppo sportivo (e chi le ha firmato l'autorizzazione?), 2. è commentatrice sulla Rai per i Mondiali. E pure parla? e di che cosa? che non si può parlare male del presidente? Certamente gradisce di più che gli si sieda in grembo.

  10. Non ho parole…
    Quando l'allora DT Flavio Roda la mise fuori squadra per mancanza di risultati, lei fece ricorso dicendo che era stata messa fuori solo perchè era diventata mamma.
    Solo la passata stagione aveva preteso dal DT Much Mair un pezzo di carta dove le veniva assicurata la partecipazione a tutte le gare di coppa del Mondo, non avendolo ottenuto si è ritirata e si è candidata come consigliere atleta. Dice di rappresentare gli atleti ma l'unica cosa che fa con gli atleti sono le foto con i vari Innerhofer, Moelgg, Brignone ecc. cosi si fa anche un po' di pubblicità per il suo free test tour.

  11. effettivamente trovo strano anche io che la signora Ceccarelli, consigliere federale in rappresentanza degli atleti, vesta capi di un'azienda in concorrenza con quella che sponsorizza la squadra nazionale. Per carità, nella vita privata uno mette quello che vuole, ma l'immagine della federazione è un po' così… anche alla TV vestiva Colmar durante i Mondiali. Che dire, bravi quelli di Colmar x la visibilità ricavata, ma la limpidezza non è il massimo in tal senso

  12. Questa pensa solo alle sue tasche ,Consigliere federale che fa pubblicità (vedi nella foto) a marche che non fanno parte del pool italiano, imbarazzante,o i consiglieri hanno un accordo con colmar ,che oltretutto veste bene e i poveri allenatori devono vestire con Vuarnet ,roba di due anni fa??qualcuno mi spieghi per favore.
    Poi dice ha Ravetto di non far polemica quando è stata atleta fino a pochi mesi fa e sa benissimo i problemi che girano nelle squadre anche perchè quando c'era da fare polemica la prima che finiva sui giornali era lei.E incredibile come il "PALAZZO " (come lo chiama lei) cambi le persone. Tristezza

  13. Senza polemiche poteva essere migliore? Ceccarelli ma sta scherzando vero? Ma di cosa sta parlando? Ma chi le ha fatte le polemiche? Se Morzenti non si fosse espresso in quel modo ambiguo su Ravetto forse di polemiche non ce ne sarebbero state…