Ravetto, il bilancio del week-end sloveno

0
469

Kranjska Live – «Bilancio positivo, peccato due quarti posti»

Claudio Ravetto si gode il sole di Kranjska e anche la ‘luce’ della squadra di slalom e gigante. Appoggiato alle transenne del parterre del Podkoren ci racconta la due giorni slovena. E’ sereno il biellese di Strona, perchè l’Italia c’è. «In slalom siamo molto forti, non è arrivata la vittoria con Deville e poi Gross è quarto a 14 centesimi dal podio, ma sono contento. Lo slalom di oggi per certi versi può essere un’occasione persa, anche perchè sono usciti Hirscher e Matt, ma i ragazzi ci hanno provato. Solo Gross non è stato aggressivo nella prima, ha dormito un pò da cima a fondo, e nella seconda quella grande frazione non è bastata. Razzoli è stanco e debilitato dall’influenza, ma si è visto un buon Razzoli fino a metà muro nella prima. Sono sicuro che tornerà con i primi. Stesso discorso anche per Manfred Moelgg, che è uscito nella prima, ma per fortuna è venticinquesimo e parteciperà alle finali di Schladming. Il gigante va meglio del passato, con Blardone ritrovato, anzi forse il miglior Blardone, e con un Simoncelli ieri davvero competitivo. Siamo stati sfortunati, Simoncelli quinto e Blardone sotto il podio per tre centesimi. E poi una squadra di giovani che si fa sotto, in primis Borsotti, ma anche i giovani che oggi si sono visti in slalom mi sono piaciuti, vedi Tonetti e Nani. In gigante e soprattutto in slalom abbiamo una squadra capace di essere sempre davanti, sempre pericolosa, da podio, da vittoria. Vedere Gross arrabbiato nero per il quarto posto fa capire dove siamo già arrivati e dove possiamo ancora arrivare…»

Articolo precedenteDeville, e sono quattro!
Articolo successivoGross su tutte le furie
Gabriele Pezzaglia
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...