Ravetto: 'Hirscher e Pinturault ancora davanti'

0

Il dt: «Bene Moelgg. Tutti presenti a Ushuaia, tranne Ligety»

Il direttore tecnico Claudio Ravetto si dice soddisfatto per quanto riguarda il lavoro svolto dagli slalomgigantisti azzurri a Ushuaia.

GRAN LAVORO DEGLI ALLENATORI IN PISTA – Sentiamolo il biellese di Strona: «Il lavoro fatto a Ushuaia è sempre rilevante, nel senso che abbiamo fatto quantità e qualità. Rispetto all’anno scorso il manto nevoso era meno duro, ma devo ammettere che gli allenatori azzurri sono stati grandiosi nel lavorare la pista e spalare la neve in aggiunta sui pendii di allenamento. Rispetto agli altri anni sono scesi in Terra del Fuoco praticamente tutti, eccezion fatta degli statunitensi. Questa cosa ha un aspetto positivo ed uno negativo, ovvero ci convince che abbiamo scelto il posto ideale ma allo stesso tempo ci pone in allarme per il futuro. Fino a quest’anno Italia e Francia avevano una precedenza nell’assegnazione delle piste frutto di un accordo, speriamo che proprio in questi giorni il presidente Flavio Roda che è in Argentina provveda, come ha già fatto in passato, a trovare una quadra».

MOELGG OK – E come si sono comportati i nostri ragazzi? «In slaom tutti bene, ma era così anche la scorsa estate e quindi aspettiamo le gare. Stefano Gross e Manfred Moelgg, ma anche Giuliano Razzoli ha sciato bene e si è rivisto davanti anche Cristian Deville. In gigante il più competitivo era sicuramente Moelgg, buoni segnali da Roberto Nani. Un po’ indietro al momento Davide Simoncelli e Massimiliano Blardone. In gigante ho visto sciare Marcel Hirscher e Alexis Pinturault che hanno fatto anche cronometro con noi. Al momento sono avanti. Si, hanno una marcia in più».

Articolo precedenteCon i C&B c'e' la novita' Riorda
Articolo successivoIl gigante Nani
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...