Problema gigante

13
278

Guadagnini: "Male, molto male. Ma per Garmisch ci credo ancora…"

Non ci siamo. Oggi ad Hinterstoder è andata proprio male per i nostri gigantisti. Il direttore tecnico Claudio Ravetto e l’allenatore responsabile del settore Matteo Guadagnini fanno il punto della situazione. Iniziamo con il biellese di Strona: "Se le gigantiste hanno dato un segnale importante, in campo maschile proprio non ci siamo. Solo Giovanni Borsotti, ottimo quindicesimo, ha fatto una prestazione positiva, gli altri invece sono troppo lontani dai big. Davide Simoncelli è stato veloce sul ripido, poi ha perso un’eternità sul piano. Troppo. Massimiliano Blardone invece non è mai entrato in gara, mi sembra che manca di aggressività, coraggio, non è più ‘cattivo’ come una volta. Gli altri male, il divario dopo Adelboden non è stato colmato, anzi…Alla fine Giovanni Borsotti si è meritato il quarto posto per Garmisch dopo Blardone, Simoncelli e Manfred Moelgg. Alexander Ploner? Forse avrebbe fatto meglio ad andare in Argentina…". Il finanziere della Val di Fiemme non capisce il motivo di questa sconfitta sonora: "Male, molto male, non so perchè…Ci siamo allenati bene, Blardone ad esempio era veloce, la sua condizione era ottimale. Credevamo di avere risolto parte dei problemi tecnici e dei materiali, invece siamo ancora indietro. Poi certo, la sfortuna è sempre dalla nostra. Ora abbiamo due settimane per preparare i Mondiali di Garmish, ci alleneremo in Val di Fassa. A questo punto la strada è in salita, ma io ci credo ancora. Non abbiamo disimparato a sciare, sarebbe impossibile, io voglio sperare che il gigante iridato ci vedrà protagonisti". Giusto l’atteggiamento di Guadagnini, aspettiamo ancora il gigante mondiale, poi vedremo se questa squadra è oramai ‘bollita’ o invece sono state delle circostanze queste sconfitte in Coppa del Mondo. Blardone e Simoncelli, ma anche Moelgg, sono dei campioni, gente che vince, che fa podio, che è capace di dominare. E poi c’è uno staff tecnico preparato, serio, professionale. Speriamo allora che Garmisch non ci consegni un’altra ‘debacle’ come dodici mesi fa Whistler Creekside…

Articolo precedenteChi sara' il quarto gigantista ai Mondiali?
Articolo successivoHirscher, addio Mondiali
Gabriele Pezzaglia
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...

13 COMMENTI

  1. Vi leggo volentieri ma da esterno e senza interessi comò molti di voi invece hanno. Sono solo un povero appassionato di questo splendido sport frequentato da gente assurda come voi che tende ad utilizzare qualsiasi occasione per affondala lama in qualche atleta per non parlare dei poveri allenatori. Avete mai provato a pensare ai sacrifici che entrambe le categorie devono fare giornalmente gli uni per gli altri e poi gli altri per non deludere noi? Ormai non più alla vigilia ma già nella prima fase di questi mondiali volevo solo fare i complimenti al grande innerhofer per la splendida prestazione, augurargliene un'altra o magari anche due per le prossime grare sopratutto vorrei augurare a tutte le squadre sia maschile che femminile di portarsi a casa tutte le medaglie possibili per zittire voi e per dare un pò di soddisfazione ai poveri allenatori che come il grande Matteo devono sopportarvi.
    Concludo con un grande in bocca al lupo a tutti gli atleti presenti a questa competizione iridata.
    P.S. Ploner avrà ancora qualche gara di coppa per dimostrare se qualcuno ha sbagliato.

  2. Hai ragione steve, ci siamo fatti prendere un po'troppo. Putroppo però sono sempre convinto del fatto che non è giusto lasciare Ploner a casa. Se l'atleta che hanno convocato ai mondiali al suo posto avesse fatto il piazzamento nei dieci nessuno avrebbe detto niente però così ………. Comunque sono il primo a tifare per gli azzurri e sono contentissimo per Innerhofer !!

  3. Ragazzi!!! Se non capite una mazza di sci alpino evitate questi commenti da ignoranti contro i tecnici e gli atleti, perché i primi a non essere sportivi siete voi! Se avete xò bisogno di far prendere aria ai denti fatelo pure….Non avete la minima idea di come funziona, é facile parlare esprimendosi a cazzate, ma fate solo delle magre figure!!! Guarda caso abbiamo vinto un'oro proprio oggi, xò qui non avete niente da dire, magari supportare la propria nazione invece di godere delle sconfitte vi fa meglio alla salute….é qua che dimostrate l'assenza nel giorno della distribuzione dell'intelligenza!!!

  4. La gara di domenica è andata male d'accordo, aspettiamo i mondiali e poi giudichiamo. Se anche li si fallisce allora si serve un cambiamento sia per quanto riguarda i tecnici che gli atleti, perchè quando finisce un ciclio bisogna resettare e ripartira da zero.

  5. E' 4-5 anni che non combina niente, non che porta avanti un ciclo !! Ma lascia perdere !! Leggi l'articolo sopra e vedi a chi danno dei "bolliti". Ai letto ? Come al solito agli atleti, perchè se le cose non girano sono sempre loro le vittime. E' finito il ciclo di qualcun altro non di questa squadra, perchè ti ascolto volentieri caro Manga se mi elenchi la futura squadra di gigante. Inizio io dai : Borsotti, e poi IL VUOTO !!!!!!!! A " Chi l'ha visto " a cercare gli allenatori che sono persi !!

  6. Devis sei te il bollito, prima di sparare sentenze informati:
    Guadagnini almeno ha il merito di aver portato avanti una squadra fatta di primedonne dove anche il grande Sevrino Bottero ha a suo tempo trovato grosse difficoltà a gestire le individualità e i vari Guru, che girano attorno agli atleti.
    Blardone a detta degli operatori fino a settimana scorsa sciava fortissimo, poi ha fatto una settimana a Caspoggio a fare FIS e allenamenti da solo.
    Simoncelli non ha potuto allenamenti per 2 settimane a causa del maldi schiena.
    Ploner… bisogna andare a RAI 3 a "chi l' ha visto"
    Facile parlare…….
    Molto probabilmente si sta esaurendo un ciclo, ma prima di dare del bollito ad un allenatore che è 4-5 anni che porta avanti una situazione molto complessa informati bene………..

    Saluti Manga

  7. E vero tutti ci aspettavamo di più dai nostri atleti ma non sono delle maccchine.
    Hanno cuore e voglia di incantarci ancora ma non sempre le cose vanno come devono…e poi con chi si devono confrontare non sono lì per caso, vi pare?
    E questo continuo accusare Morzenti….mi sembra un deja vù Berlusconiano…
    Un po avete stufato..pensate ad altro..

  8. Sono dell'idea che i problemi vengono da lontano.
    Una squadra non può contare solo sulle prestazioni del singolo una-tantum,come non può contare su una dirigenza che difende un presidente condannato.
    E' l'intero impianto da riformare,partendo dai giovani che devono essere messi in grado di lavorare bene e con assidua costanza,i senatori se non marcano punti lasciano il posto,se ne tornano a fare Coppa Europa e muti!!!!!!
    Quanto agli allenatori è difficile capire come si muovono di testa,nel calcio un Lippi porta l'Italia in trionfo,per poi trascinarla nel ridicolo il giro successivo.Mahhh!!??

  9. … sinceramente pensavo che la gente di sci fosse più sportiva … se un atleta non va è colpa sua, ma se tutta una squadra non va la colpa va cercata altrove. Cosa c'entrano gli atleti ? Abbiamo forse gente più brava che non viene considerata? Sicuramente le cause sono da ricercarsi nei dirigenti e organizzazione, forse nelle disponibilità economiche, forse negli allenatori … ma sparare sugli atleti è come sparare sula Croce Rossa.