Primo storico trionfo europeo nella South American Cup

0

Klemen Kosi interrompe il dominio argentino e si aggiudica il circuito

Per la prima volta nella storia, sia a livello maschile che femminile, la South American Cup, la seconda coppa continentale assegnata nella nuova stagione 2014-2015 dopo l’Australian-New Zealand Cup, è andata a uno sciatore non americano: a riuscire nell’impresa lo sloveno di Maribor, classe 1991, Klemen Kosi, 27 gare in Coppa del Mondo finora, con due risultati a punti (anche un 14° posto), entrambi in supercombinata. 

TRIPLETTA – Il trionfo è stato possibile grazie al successo di Kosi nelle ultime tre gare disputate, una supercombinata e due superG, tutte tenutesi in Cile a El Colorado, ottava e ultima tappa di un circuito molto condizionato dal mal tempo, con le due prove di Antillanca, sempre in Cile, annullate un mese fa. 

QUI LA CLASSIFICA GENERALE MASCHILE, FINALE

DONNE – A livello femminile, a due gare dalla fine (entrambe discese libere), anche qui è possibile un’altra sorpresa, ovvero una vittoria sudamericana, ma non argentina (mai accaduto), con la cilena Noelle Barahona, vincitrice dell’ultima supercombinata disputata sempre a El Colorado (nei superG, invece, dominio francese), che si porta in testa alla classifica generale con 666 punti, davanti all’argentina Salome Bancora, ferma però a 544. Impresa quasi fatta. 

QUESTA LA CLASSIFICA GENERALE FEMMINILE

 
Articolo precedenteLindsey Vonn, rientro anticipato sugli sci?
Articolo successivoMagdalena Fjaellstroem, stagione finita
REDATTORE - Milanese, 39 anni, laureato in Lingue, sposato con Laura e papà di Giulia, appassionato di tanti (troppi) sport da sempre, amante delle discipline americane, è transitato attraverso esperienze nei quotidiani (Il Giorno, per il quale scrive ancora, Tuttosport, freepress), in Radio (Radio 24, AGR), Internet (Leonardo) e dal 2009 ha trovato la sua dimensione come telecronista di diverse discipline (sci, nuoto, tuffi, scherma, pallavolo, pallanuoto ecc.) su Eurosport Italia. Ma continua ad amare anche la scrittura alla follia e dall'aprile 2014 collabora con Race ski magazine