Prima manche, Ligety padrone

0
262

Kranjska Live – Ted fa il vuoto: «Mi sentivo sicuro, sciolto».

Impressionante Ted Ligety: lo statunitense, almeno nella prima frazione, sembra tornato quello dei giorni migliori, il numero uno delle ‘porte larghe’ insomma. Sole primaverile, neve dura, condizioni eccellenti questa mattina in Slovenia. C’è gente, e come al solito nelle tribune e a bordo pista non mancano i supporter italiani. Distacchi abissali, d’altri tempi: Ligety ‘ammazza’ la manche, infliggendo 1.22 a Massimiliano Blardone, comunque semnpre brillante e competitivo. Terzo a 1.60 il francese Alexis Pinturault, un centesimo più indietro l’austriaco Marcel Hirscher, ormai più ‘ragioniere’ perché fa i calcoli per la Coppa del Mondo generale. Ma l’Italia oggi non è solo rappresentata dal finanziere ossolano: nei quartieri alti della classifica c’è anche Davide Simoncelli, ottimo quinto a 1.63 ed in corsa per il podio. Poi i distacchi si allungano: sesto infatti è l’ austriaco Philipp Schoerghofer che perde da Ligety 2.23. Diciassettesimo Giovanni Borsotti a 2.84, in gioco per entrare nei ‘top ten’. Poi c’è Manfred Moelgg a 3.03, ventesimo. Florian Eisath è venticinquesimo. Non si qualificano Alexander Ploner, trentareeesimo, Christof Innerhofer trentanovesimo, Mattia Casse e Matteo Marsaglia ex-equo al quarantaquattresimo posto, quindi Luca De Aliprandini cinquantatreesimo. Beat Feuz è trentacinquesimo: niente seconda manche e zero punti in Slovenia per lo svizzero, che ha il fiato sul collo di Hirscher dopo questa prima sessione. Ivica Kostelic attardato in ventitreesima piazza. Ted Ligety afferma nella finish area del Podkoren: «Mi sentivo sicuro, sciolto, non credevo nemmeno di infliggere distacchi così consisenti. Adesso la seconda manche». Seconda frazione alle 12.30: lo spettacolo è assicurato!