Pirovano, posto fisso in discesa: «Felice come poche altre volte». A Sarentino vince Hoernblad

La trentina chiude ottava nell'ultima gara stagionale in libera e dopo Hofer regala un altro posto fisso all'Italia per la prossima stagione di Coppa del Mondo

0
Laura Pirovano, Sabrina Maier e Christina Ager sul podio della classifica finale di discesa in Coppa Europa

Nella specialità in cui forse meno se lo sarebbe aspettato. E invece il posto fisso in Coppa del Mondo è realtà, anche se nessuno glielo avrebbe comunque negato. In discesa libera… Laura Pirovano chiude ottava nell’ultima libera stagionale in Coppa Europa, risultato più che sufficiente per rimanere sul podio della classifica di specialità e ottenere il secondo “pettorale personale” per l’Italia femminile dopo quello di Anna Hofer in superG in vista della prossima annata nel circuito maggiore. Una stagione incredibile per la trentina in discesa: sempre tra le prime dieci in tutte le gare disputate, sette, con una vittoria, altri due podi, e poi ancora un sesto, settimo, ottavo e nono posto. Bravissima e sorprendente, in positivo.

RISULTATI

Laura Pirovano in azione in gigante in Coppa del Mondo a Killington (@Zoom agence)
Laura Pirovano in azione in gigante in Coppa del Mondo a Killington (@Zoom agence)

PAROLA DI LAURA – «Sinceramente, non me lo so spiegare questo rendimento in discesa – ci dice una raggiante Pirovano -. Sicuramente tre anni fa si poteva dire tutto di me, tranne che fossi discesista… Anzi, sono entrata in squadra anche grazie ai tanti risultati in slalom. Poi nella scorsa stagione ho sfiorato il posto fisso in gigante e quest’anno l’ho centrato in discesa. Resto senza parole, poche altre volte sono stata così contenta in carriera».

Da sinistra: Sabrina Maier, Laura Pirovano e Dajana Dengscherz sul podio della discesa a Crans Montana in Coppa Europa, il 19 febbraio 2017
Da sinistra: Sabrina Maier, Laura Pirovano e Dajana Dengscherz sul podio della discesa a Crans Montana in Coppa Europa, il 19 febbraio 2017

GARA – L’ultima libera stagionale va alla svedese Hoernblad, al primo podio (e prima vittoria) nel circuito continentale, con il tempo di 1’14”825, davanti alla norvegese Riis-Johannessen e alla’austriaca Maier. Ottava Pirovano, 13esima Delago, 19esima Melesi, 22esima Galli, 24esima Nobis, 29esima Runggaldier (per la seconda volta a punti in Coppa Europa), 32esima Giunti, 34esima Ferrari, 35esima Pizzato, non partita Dolmen, fuori Da Canal. In classifica generale Riis-Johannessen vanta 86 punti di vantaggio sulla connazionale Lysdahl (Pirovano è quarta), mentre la graduatoria finale di libera vede prima l’austriaca Sabrina Maier, con 420 punti, seconda Laura Pirovano a 377 e terza l’altra atleta del Wunderteam Christina Ager, nata slalomista, con 375. Decima Federica Sosio. Tutte e tre queste atlete guadagnano il posto fisso in Coppa del Mondo per la stagione 2017-2018 nella specialità.

Da sinistra: Alessia Timon, Nadia Delago, Sofia Pizzato, Jole Galli, Valentina Cillara Rossi, Roberta MelesI
Da sinistra: Alessia Timon, Nadia Delago, Sofia Pizzato, Jole Galli, Valentina Cillara Rossi, Roberta MelesI

DEVID SALVADORI – «Dopo le prove con nove abbastanza molle e caldo, oggi finalmente bel tempo, ma neve ghiacciata – dice il tecnico bresciano -. Laura è stata molto brava ad aggredire una pista dove non riusciva a essere veloce. Nel complesso una buona prova della squadra, con Nadia Delago e Roberta Melesi in crescita. Stagione in discesa? Molto positiva con cinque ragazze nelle prime 15 della classifica finale; allargando il campo finora abbiamo ottenuto due posti fissi, con Hofer in superG, Pirovano in discesa e un quarto posto di Sosio in combinata alpina. Molto bene».

Laura Pirovano (@FISI/Pentaphoto)
Laura Pirovano (@FISI/Pentaphoto)