Peter Fill: il riscatto parte da Amneville

3
246

Anche 'Pietro' in pista nell'esordio di Coppa Europa in Francia

Il gruppo di Coppa Europa maschile si è allenato questa mattina nell’impianto indoor di Amneville in vista dello slalom di Coppa Europa di domani. “Un turno di un ora e mezzo, importante per verificare la condizione di ragazzi e per prender confidenza con il pendio del ‘capannone’ francese. Peccato che nella parte finale ci siano un po’ di sassi, in quanto non hanno lavorato bene la neve riportata nell’ultimo tratto, che è stato aggiunto a settembre”, afferma l’allenatore responsabile della Coppa Europa Raimund Plancker. Nel contingente azzurro ecco domani al via Peter Fill. Era davvero tasnto tempo che il carabiniere di Castelrotto non tornava in Coppa Europa, , ma ci è parso davvero determinato. “Ho scelto di disputare lo slalom di Coppa Europa fra Amneville e Landgraaf per cercare di fare punti in questa disciplina e portarmi avanti nella start list. Inoltre sciare su una neve così ghiacciata è un allenamento qualitativamente importante. Speriamo che traccino filante e veloce come piace a me, visto che la pendenza è davvero dolce. Se correrò Levi la settimana prossima? Credo di no, per il momento in Coppa del Mondo inizio con gigante, velocità e supercombinata”. Tornando al gigante di Soelden ecco un Peter tutta grinta: “Sto sciando bene, e il gigante di Soelden lo considero solo una parentesi negativa. Ci può stare, e poi ho patito il fatto di non avere trovato mai sotto gli sci durante la preparazione il ghiaccio vivo. Sono comunque determinato a far bene nel proseguo di stagione. Il 18 partirò per il Nord America e quelle saranno gare determinanti”.

 

Articolo precedenteLa settimana azzurra
Articolo successivoParte la Coppa Europa
Gabriele Pezzaglia
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...

3 COMMENTI