Peak to Creek a quota 400

0
1025

A Pierfederico Formenti la prima tappa del Vist Italian Ranking

Grande successo per la Peak to Creek di Bormio, prima tappa del Vist Italian Ranking, il nuovo circuito di gare targato Race ski magazine. La gara di Bormio è ormai una classicissima e non poteva esserci inizio migliore per il nostro circuito. I numeri prima di tutto: oltre 400 inscritti sulla pista di 10 km e 1800 metri di dislivello, da Bormio 3000 fino in paese. Una discesa mitica, unica al mondo che nella seconda parte coincide con la ‘Stelvio’. Sono sceso come apripista e posso garantire che l’emozione è fortissima e la pista fantastica. E’ stata una grande festa per tutti, perché arrivare in fondo e potere dire ‘l’ho fatta’ è già una grande soddisfazione. Sicuramente il più soddisfatto è stato Pierfederico Formenti, primo assoluto, come l’anno scorso. Il suo tempo è di 4.32.99, di poco superiore a quello dell’amico Matteo Sangiorgio (4.33.05). Terzo Mattia Bracchi (4.37.82). Prima delle donne Marta Magni (5.16.61), seconda Stefania Burba (5.20.46) e terza Laura Merlini (5.23.14). Grande festa all’arrivo, con lasagne e birra per tutti. Tanto divertimento per i gruppi con il ‘Beer and Sunshine Boys’ che si è aggiudicato il premio come team più numeroso. Il prosciutto di San Daniele ‘Principe’ per il concorrente che più si è avvicinato al mio tempo è andato a Fernanda Orlandi, madre di Davide Cazzaniga, portacolori dello Sci Club Lecco e del Comitato Alpi Centrali e apripista sulla Stelvio il 29 dicembre.
Una madre sulle orme del figlio, tra l’altro decima assoluta del ranking femminile. Complimenti! Stay tuned… nei prossimi giorni seguiranno interviste, video realizzati dai concorrenti della Peak to Creek con telecamera sul casco… E non dimenticate di iscrivervi alle prossime gare del Vist Italian Ranking, prossimo appuntamento Lussarissimo, 18 marzo, Tarvisio. You are wanted!

Articolo precedenteVideo: Peak to Creek, i consigli del vincitore 2011
Articolo successivoInnerhofer: 'E pensare che volevo fermarmi…'
Claudio Primavesi
DIRETTORE RESPONSABILE - Classe 1971, milanese di nascita, brianzolo d’adozione, l’importante è che da casa si veda qualche vetta innevata! Ha iniziato con un articolo su Buzzati sciatore per arrivare a… Sochi, prima per esplorare le cime caucasiche alla ricerca della neve fresca e poi per seguire le Olimpiadi. L’auto è sempre pronta: destinazione Sölden, Kitz od Ozegna, l’importante è raccontare ai lettori di Race che cosa succede davvero nel Circo Bianco.