Patscheider si ripete in Gardena

4

Vince il gigante FIS davanti agli austriaci Mayrpeter e Schweiger

Hagen Patscheider vince anche il secondo gigante FIS di Selva Val Gardena: vittoria in rimonta la sua, grazie al miglior crono nella seconda manche. Primo in 2’28"91 con un vantaggio di con trenta centesimi sull’austriaco Thomas Mayrpeter, terzo l’altro austriaco Patrick Schweiger a 90. Ai piedi del posto ancora Austria con Niklas Koeck, quinto il francese Blaise Giezendanner. Gli azzurri nei primi venti: nono Michael Gufler, decimo Andy Plank, tredicesimo Antonio Fantino, quattordicesimo Alessandro Brean, quindicesimo Daniel Dejori, diciassettesimo Francesco Romano, diciannovesimo il primo Giovane, Hannes Zinglerle, seguito da un altro Junior, Michele Gualazzi.

Articolo precedenteLake Louise, quarta in prova Elena Fanchini
Articolo successivoRonci non si accontenta
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...

4 COMMENTI

  1. …di certo da una fis di GS a Selva di Valgardena non ci si aspetta un tracciato con porte distanti anche 40 metri……situazione molto anomala…però devo dire che il regolamento é stato rispettato con un numero di cambi di direzione (48 – 15%) su un dislivello di 315 metri…….la pista é troppo piatta e lunga e quindi con caratteristiche per un SG…….MA DI CHE COSA PARLIAMO…..qualche porta ci stà ma non la stragande maggioranza della pista….allora diciamolo durante gli aggiornamenti allenatori di tracciare GS anche a 40 metri. GRAZIE

  2. Quindi se i nostri Giovani sono attardati e il migliore è a 4 secondi è perchè il tracciato era facile… Quindi c'è da aspettarsi che su un tracciato più impegnativo con i "35" si troveranno meglio rispetto ad uno filante… come si cantava una volta sarà, sarà ma non ci credo

  3. zano, non e' che i giovani non sono abituati al raggio 35 , ma i 2 giganti al plan de gralba non presentavano difficolta' tecniche tanto che i tempi migliori come da te osservato sono stati fatti da" velocisti", pista pianeggiante e porte a 40 metri.
    i giganti sono altra cosa …….

  4. … argomento di discussione … non è che i nostri siano arrivati ad usare lo sci "35" con un anno di ritardo vs gli stranieri ? Hagen essendo un SuperGigantista/Liberista è abituato a raggi molto ampi e sembra avere un grosso vantaggio vs i giovani suoi compagni … cosa ne pensate ? Anche Pangrazzi che oggi è saltato nella seconda, comunque ieri era uno dei migliori Italiani … e anche lui è un Supergigantista/Liberista, cioè abituato alle "assi da stiro"