Patrick Thaler 'risorge' sul Canalone Miramonti

1
494

Successo del carabiniere altoatesino sugli svedesi Byggmark e Hargin

Porta fortuna ai colori azzurri il Canalone Miramonti. Nella tappa serale in notturna di slalom speciale di Coppa Europa trionfa infatti Patrick Thaler, grazie ad una superba seconda manche che gli ha permesso di recuperare dal quinto al primo posto. Per lui il secondo tempo di manche, ma soprattutto una vittoria importantissima, con un tempo complessivo di 1’36”01, precedendo di 21 centesimi il trionfatore dell’altro slalom continentale di Pozza di Fassa Jens Byggmark, e di 25 sull’altro svedese Mattias Hargin che ha completato un podio di assoluto livello. Come di livello era la starting lista di questa 3Tre, che ha festeggiato le 57 edizioni, e che ha visto chiudere in quarta posizione un altro atleta di Coppa del Mondo Reinfried Herbst, che ha accusato un ritardo di 34 centesimi.
Grande la soddisfazione per il 32enne di Sarentino che ritorna al successo in Coppa Europa sette anni dopo la fantastica tripletta di Donnersbachwald, Are e Piancavallo. “Una vittoria che mi da morale – ha commentato il carabiniere altoatesino – e mi sblocca psicologicamente. Ora posso affrontare con più convinzione le prossime tappe di Coppa del Mondo con l’obiettivo di qualificarmi per i Mondiali di Garmisch. La pista di Campiglio mi è sempre piaciuta molto ed è un peccato che sia uscita dal calendario di Coppa del Mondo. Fra due inverni ritornerà però nel massimo circuito e spero di esserci ancora al via pure io”.
Come a Pozza di Fassa, ancora una discreta gara per il finanziere Stefano Gross, che ha fermato il cronometro sul tempo di 1’37”09, chiudendo in sedicesima posizione, sempre nei venti. “Mi manca ancora qualcosa – ha commentato il fassano – sto sciando bene, ma non riesco ad essere fluido e determinato come servirebbe. L’importante è continuare su questa strada e non mollare. Prima o poi arriverà il risultato della svolta”.
Il terzo azzurro in classifica è il giovane piemontese Antonio Fantino, 42°, quindi l’altoatesino Andy Plank 47° e il trentino Andrea Ballerin 50°.
A Patrick Thaler è andato pure il trofeo Marco Burrini assegnato al miglior italiano. Lo scorso anno vinse Cristian Deville. Non è mancata un po’ di commozione nel parterre all’interno dello staff del Comitato Organizzatore, che ha voluto ricordare la figura dell’ingegner Alessandro Bleggi, presidente delle Funivie Campiglio, scomparso qualche mese fa. Un dirigente che si era gettato anima e corpo per far ritornare la 3Tre nel giro di Coppa del Mondo.
Dopo questo successo organizzativo Madonna di Campiglio rinnova l’appuntamento con il grande sci per il prossimo dicembre, quando di prove di Coppa Europa se ne disputeranno due (doppia disciplina veloce e slalom speciale per la combinata), un eccellente collaudo in vista del ritorno in Coppa del Mondo, fissato per il 19 dicembre 2012.

Articolo precedenteLa notte prima del gigante
Articolo successivoTed: "Mi sento imbattibile.."
Gabriele Pezzaglia
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...