Partenza con il botto per il Comitato Trentino

0
1599

Franceschetti vince il primo slalom Fis NJR di Bormio

Parte subito col botto la stagione agonistica per il rinnovato team di sci alpino del Comitato Trentino Fisi. Prima gara dell’inverno ancora senza neve e prima doppietta grazie al giudicariese Pietro Franceschetti e al fassano Sebastiano Finazzer, primo e secondo al termine dello slalom speciale Fis junior disputato sulla pista Stella Alpina di Bormio 2000.
Grande soddisfazione dunque per i tecnici provinciali che fanno esordire nel migliore dei modi il Progetto Trentino Azzurro, l’iniziativa per il rilancio degli sport invernali sostenuta dalla Provincia Autonoma di Trento. Il 18enne di Bolbeno, che da quest’anno difende i colori dello Sporting Campiglio ha interpretato nel migliore dei modi entrambe le manche, chiudendo la prima frazione in seconda piazza a pochi centesimi dal francese Nicolas Saatdjian, mentre il fassano di Alba aveva fatto registrare l’ottavo tempo.
Impeccabile poi la seconda manche dei due trentini e in particolare di Sebastiano Finazzer che ha stabilito la migliore prestazione assoluta, recuperando così ben sette posizioni e fermandosi sul secondo gradino del podio, così come quella di Franceschetti pure lui pulito e determinato che è rimasto sugli standard della prima frazione, ma che grazie ad un tempo di un solo centesimo superiore a quello del compagno di squadra, ha sbaragliato la concorrenza, aggiudicandosi la prima gara della stagione.
Decisamente positiva poi la prova anche del tionese Matteo Battocchi, che ha ottenuto un ottavo posto finale, recuperando dalla quattordicesima piazza, così come Timothy Bonapace, che ha concluso quattordicesimo. Peccato invece per Giovanni Pasini, portacolori dell’Agonistica Marmolada, che è uscito di scena nella seconda manche dopo che a metà gara aveva concluso tredicesimo. Fra gli aspiranti, buona la prestazione di Federico Liberatore, ventesimo, ma soprattutto secondo miglior aspirante.
La fantastica giornata per i colori del Comitato Trentino poteva essere addirittura straordinaria, se la gara si fosse fermata alla prima manche dello slalom femminile. Infatti a metà gara comandava Giulia Benedetti, con la primierotta d’adozione Andrea Cailotto quarta. Purtroppo un po’ la tensione dell’esordio e un po’ la volontà di strafare non ha consentito ad entrambe di chiudere la seconda manche, vinta poi dalla bergamasca Roberta Midali. La migliore delle trentine è risultata Miriam Rasom dello Ski Team Fassa, che ha concluso al decimo posto.
«Meglio di così non poteva davvero partire la stagione – ha commentato il nuovo direttore agonistico e referente tecnico del progetto Trentino Azzurro Matteo Guadagnini-. I ragazzi sono stati veramente bravi e in particolare mi è piaciuto l’atteggiamento ma anche il gesto tecnico. E di questo devo ringraziare gli allenatori Enrico Vicenzi e Alessandro Finazzer che in questi mesi hanno fatto un lavoro eccezionale, così come le ragazze seguite da Lorenzo Cemin e Angelo Tavernaro. Peccato per la Benedetti che era in testa a metà gara e poi ha commesso un grave errore».
Domani si concede il bis, sempre con uno slalom sulla pista Stella Alpina, mentre alcuni ragazzi del Comitato Trentino andranno a Solda per il primo slalom Fis della stagione.