Paris, un giorno con il Milan

1

Milanello Live – Dominik ha incontrato i calciatori

Credevate un Dominik Paris impacciato, silenzioso e fuori luogo nel ‘fortino’ di Milanello? Niente di più sbagliato. Parla spigliato con i giocatori, racconta a Kaka e Montolivo delle sue picchiate su Streif e Stelvio, stringe la mano a Mister Allegri, posa per le foto di rito e firma autografi con disinvoltura. Osserva l’allenamento e subito afferma: «Certo che non sarebbe male allenarsi a 18°…». Dominik tutto griffato con gli sponsor personali e federali si trova a suo agio nel ‘tempio’ rossonero.

TITOLATO COME IL MILAN – Su una vetrina c’è scritto: ‘Il Club più titolato al mondo’. E lui subito afferma: «Io l’anno scorso ho fatto il mio, ho vinto due classiche e la medaglia d’argento ai Mondiali. Dai anche io sono titolato». Domme è un tifoso rossonero. Guarda il campo con un po’ di invidia. Per cosa? «No no, mi piace fare lo sciatore. Anzi. Solo che a volte fare uno sport di gruppo ti può levare tensioni e pressioni. Un po’ di stress insomma».

DOMANI NEVICA – Ci sono centinaia di tifosi appiccicati ai muri di Milanello e qualcuno intravede e riconosce Paris. «Questa è una bella soddisfazione, dai hanno riconosciuto uno sciatore». Già, forse domani nevica nel varesotto. Arriva intanto il direttore tecnico Claudio Ravetto. Sempre con l’immancabile telefono all’orecchio e camicia e giacca di ordinanza. Scruta il centro del Milan, va avanti e indietro. Parla con i giornalisti e osserva Paris: «E’ sveglio, più maturo, più sciolto». Allenamenti diversi chiaro, ma stupisce l’intensità. Sarà la rifinitura prima della partita con la Juve è vero, sarà che Mario Balottelli è squalificato e si aggira svogliato per Milanello altrettanto vero, ma i ritmi sono proprio blandi.

ASSURDITA’ – Paris è a bordo campo. Guarda Christian Abbiati, vuole provare a tirare un rigore ma non può. Assurdo, ma Milanello è così. Prendere o lasciare. Arriva l’ora del pranzo con i giocatori. Con Kaka parla di Brasile e Argentina, di mare e di neve, di vacanze. Nell’atrio della sala pranzo, dove c’erano i pochi e fortunati giornalisti, passano El Shaarawy, Balotelli, Niang.

MALDIFASSI, TAVANA E FRESCHI ROSSONERI – E passano anche Stefano Maldifassi e Rodolfo Tavana. Ricordate? Facce conosciute, gente di FISI. Il primo ora si occupa della ricerca, del ‘MilanLab’. Il secondo è il dottore della squadra. Non c’è invece Marco Freschi, il dottore che collabora ancora con la federazione ma principalmente segue la primavera rossonera.

LA MAGLIA – Paris intanto si è fermato a parlare con i calciatori. Non finirebbe mai. Si confronta, ascolta e spiega. A inizio pomeriggio è l’ora di lasciare Milanello. Il supertifoso Paris se ne va con la maglia rossonera con appiccicato dietro il suo nome. «Dai che la metterò una volta sotto la tuta!».
 

Articolo precedenteNuovo infortunio in casa Francia
Articolo successivoParis rossonero
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...

1 COMMENTO