Pace fatta tra Kostelic e Hirscher

0
601

I due atleti si sono parlati ieri, si temevano tafferugli questa sera

Alla fine si sono incontrati, hanno parlato e si sono stretti pubblicamente la mano ieri all’estrazione dei pettorali. Ivica Kostelic e Marcel Hirscher hanno fatto la pace e sembra una pace sincera, anche se su Schladming aleggiava il rischio hooligan, con diversi supporter del croato previsti questa sera, che avrebbero potuto venire alle mani con gli austriaci. Kostelic ha detto al quotidiano tedesco Kronen Zeitung di avere parlato con Hirscher con il quale ha una lunga amicizia e di credere che sia uno sportivo leale. Il croato ha anche ammesso di avere parlato ‘con l’adrenalina del dopo gara’ a Kitzbuehel, mentre Hirscher ha dichiarato che, se sarà al 90 per cento sicuro di avere inforcato, si fermerà. Ieri Schladming sembrava più la sede di un summit internazionale che di una gara di sci, con il race director FIS Guenther Hujara che ha riunito le parti in causa e ha poi spiegato al captains meeting come si è arrivati a stabilire con certezza che Hirsher e Neureuther non hanno inforcato. Hujara ha mostrato i video in alta definizione delle gare e spiegato, passo per passo, come vengono analizzati in caso di controversia, con diversi slow motion e ingrandimenti sempre più dettagliati, fino ad arrivare a vedere solo lo scarpone. «Usiamo la più alta tecnologia, non siamo all’età della pietra e non abbiamo guarda porte così vecchi da non accorgersi di nulla». Hujara ha aggiunto che solo con le immagini in alta definizione, disponibili nei tir del broadcasting, è possibile capire di più perché, con la normale difinizione televisiva «può sembrare che un atleta sia da squalificare».

Articolo precedenteImpresa di Gross: secondo a Schladming!
Articolo successivoFervono i preparativi per la 'Night Race'
Claudio Primavesi
DIRETTORE RESPONSABILE - Classe 1971, milanese di nascita, brianzolo d’adozione, l’importante è che da casa si veda qualche vetta innevata! Ha iniziato con un articolo su Buzzati sciatore per arrivare a… Sochi, prima per esplorare le cime caucasiche alla ricerca della neve fresca e poi per seguire le Olimpiadi. L’auto è sempre pronta: destinazione Sölden, Kitz od Ozegna, l’importante è raccontare ai lettori di Race che cosa succede davvero nel Circo Bianco.