Morzenti torna a parlare di Ravetto

9
254

L'ex presidente della Fisi manda una lettera aperta ai media

L’ex presidente della Fisi ha voluto tornare sulla questione Ravetto con questa lettera aperta inviata ai media che pubblichiamo integralmente.

La mia informata versione su Claudio Ravetto

Nel commentare la decisione del Coni di commissariare la Federazione Italiana Sport Invernali (FISI), in diversi articoli apparsi sui mezzi di informazione, oltre agli aspetti giuridici legati alla sentenza dell’Alta Corte di Giustizia sportiva, si è fatto riferimento ai rapporti tra il sottoscritto e Claudio Ravetto, riconducendoli ad una sorta di ingenerosa invidia da parte del Presidente nei confronti del Direttore Agonistico vincente.

Questa versione dei fatti non solo appare del tutto infondata e fuorviante, ma rischia anche di impedire agli appassionati di sport invernali di sapere come stiano le cose veramente. Per questa ragione dunque, con la speranza di contribuire a fare chiarezza su un punto che ha avuto un peso determinante sulle ultime vicende della FISI, vorrei fornire una lettura perlomeno “informata” di quella che, a questo punto, può davvero essere definita la “querelle Ravetto”.

Si usa spesso dire nel mondo dello sport che le vittorie sono di tutti, mentre le sconfitte sarebbero in qualche modo di uno solo. Curiosamente tuttavia, in situazioni in cui Ravetto e il sottoscritto mantenevano i medesimi ruoli,  non è questa la misura con cui alcuni commentatori sportivi hanno giudicato alcune gare internazionali a cui gli atleti della FISI hanno partecipato: mentre infatti in merito alle Olimpiadi Vancouver, nonostante la straordinaria prestazione di Razzoli, fu lamentato per lo sci alpino un deludente risultato destinato a coinvolgere in un’aperta critica anche il sottoscritto, ai Mondiali di Garmisch i buoni risultati vennero attribuiti  al Direttore Agonistico con una tale enfasi ed esclusività da veder messo in ombra non solo il ruolo del Presidente, ma addirittura il merito degli atleti. 

Il merito delle vittorie, prima ancora che al Presidente e al Direttore Agonistico, va attribuito in primo luogo gli atleti e, immediatamente a seguire, a coloro che li supportano quotidianamente sul piano atletico, tecnico e psicologico. Al riguardo infatti non si può non ricordare come a Garmish tre medaglie sono state conquistate dall’Italia grazie a un solo atleta, Christoph Innerhofer, allenato da Gianluca Rulfi per la velocità, da Jacques Theolier per lo slalom, oltre che supportato da Massimo Carca. Il resto dell’organizzazione, Ravetto e me compresi, come si  diceva dell’intendenza napoleonica, “seguiva” anche nel merito, avendo la funzione di creare le condizioni necessarie per giungere alla vittoria, senza tuttavia essere in grado di influire concretamente sulle ragioni decisive di essa. 

Certo rivendico di aver operato con la necessaria decisione per  creare queste condizioni. La FISI, al momento in cui divenni Presidente, non risultava nemmeno in grado di assicurare le condizioni necessarie a far sì che gli atleti ed i loro allenatori fossero in grado di lavorare in modo ottimale. Gli allenatori ricevevano lo stipendio con 6/8 mesi di ritardo e dovevano anticipare le spese. Solo grazie a una riorganizzazione delle le responsabilità, avviata sulla base di risorse certe, hanno consentito, in un colpo solo, di mettere tutto il necessario a regime. E solo grazie a risorse certe, grazie al business plan presentato ed approvato dal Coni , è stato possibile avviare nella scorsa stagione la collaborazione con il Policlinico di Monza per eseguire i test necessari ad impostare correttamente la preparazione atletica. 

Curiosamente, mentre il Consiglio Federale era impegnato in questa delicata operazione di rilancio della FISI ,il Direttore Agonistico Ravetto concionava ai quattro venti sull’inadeguatezza dei materiali e sulle scelte che la Federazione avrebbe dovuto fare, andando ben al di là delle strette competenze che legittimamente gli spettavano, ma soprattutto rendendo in questo modo ulteriormente problematica la ricerca di nuovi sponsor.   

Trascurando questi atteggiamenti tuttavia, proprio per valorizzare al meglio le sue competenze tecniche, con una decisione presa all’unanimità dal Consiglio Federale e dalla Segreteria Generale (con il giudizio di consiglieri che sono dei validi e competenti tecnici) fu proposto a Ravetto di occuparsi della squadra di sci maschile,  la cui criticità è tale da far registrare l’assenza totale di medaglie da anni in gigante, oltre che della squadra B e giovani di slalom. A questa proposta tuttavia Ravetto rispose negativamente, preferendo presentarsi come vittima di lesa maestà e di oscure trame presidenziali, che mai ci sono state nonostante i suoi comportamenti spesso per nulla corretti.

Di quanto affermato mi assumo tutte le responsabilità e sono pronto, in qualunque momento ed in qualsiasi luogo, a confrontami pubblicamente, entrando anche concretamente nel merito di questo e di eventuali  altri aspetti .

Milano, 20 Luglio 2011

                                                                           Giovanni Morzenti
 

Articolo precedenteMondole' in versione acrobatica
Articolo successivoTNF Paxzanna Jacket, per sciate verdi
Gabriele Pezzaglia
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...

9 COMMENTI

  1. Grande @pescaemare… il "condannato" é come : " e come avvien quand'uno é riscaldato , Che le ferite per allor non sente , Così colui , del colpo non accorto , Andava combattendo ed era morto "…..Ahahahahahah

  2. Basta con sto' polverone sig presidente, per piacere, basta… il problema è che non si può dire sui giornali tutta la verità su storie come il "vero" contratto con la Lauretana saltato non si sa perchè, sulla vera verità "divise Vuarnet", sulla chiusura del rapporto con la Mapei in favore dello sgarruppatissimo policlinico di monza lasciando gli atleti per conto loro per un anno… etc.etc..
    Magari qualcosa emergerà se la vicecommissario andrà a curiosare su Vuarnet e Fastweb… vediamo se arriverà chiarezza…
    Un augurio è che la prox gestione sia veramente "CHIARISSIMA", limpida, cristallina!!

  3. una cosa giusta l'ha detta anche Morzenti, Ravetto è come lui,bravo solo a prendersi i meriti,vero Claudio??non eri tu a dare dello "sfigato"a Razzoli??e poi ti sei gonfiato come un pallone sulla medaglia dello sfigato.orror

  4. …. se ancora serviva qualcosa a seppellirlo definitivamente!!!!!
    Ma il dato allarmante è che in Italia, purtroppo, ai vertici di qualunque cosa, dalla Pro Loco del paesino in su, siedono c…….. come e peggio di Morzenti…

  5. Del bel tacer non fu mai scritto… Ma perché si ostina a parlare. Pensa davvero che siamo tutti campagnoli (con tutto il rispetto per i campagnoli veri!), disinformati e fessacchiotti???
    Dr. Morzenti se ne faccia una ragione lei è definitivamente fuori dalla FISI!! In realtà lei non doveva nemmeno più entrarci a partire dal 2000 e solo l dabbenaggine dei personaggi che da decenni imperversano nelle stanze di Via Piranesi lei è stato richiamato a furor di parrucconi (gli stessi, badi bene, che 8 anni prima le avevano voltato le spalle all'ultimo momento), pronti così a rifarsi una nuova verginità.
    Penso che per lei sia molto più utile investire tutte le sue energie nella propria difesa innanzi la Corte d'Appello di Torino e poi nella direzione della sua Azienda.
    Il mio personale auspicio è che Lei con la FISI abbia definitivamente chiuso.