Morzenti: "E' un commissariamento dal sapore politico"

14
431

L'ex presidente Fisi attacca Frattini e invia una lettera a Comitati e Club

«Strategia solo politica», «Rancori personali», «Strategia per cancellare i vertici Fisi». Va giù duro l’ex presidente Fisi Giovanni Morzenti in un’epistola che ha inviato a Comitati regionali e provinciali e agli Sci Cub. Attacca il Ministro degli Esteri Franco Frattini ritenuto ‘nepotista’ e ‘politicante’, reo di aver mosso l’opinione pubblica contro i dirigenti Fisi. «Disastrosa situazione economica con Gaetano Coppi, suocero di Frattini, poi risanata» e poi «Commissariamento dal sapore politico», come se l’Alta Corte del Coni fosse stata strumentalizzata. E’ un Morzenti a ruota libera, che non ha smesso di sentire e riunire la sua componente. Forte di questo consenso ha deciso la via dell’attacco frontale. Un’arma spuntata? Morzenti ha inviato anche a Frattini la lettera chiedendo delle risposte. Fonti vicine al Ministro tuttavia fanno trapelare che Frattini non ha nessuna intenzione di rispondere. Che fine ha fatto intanto il ‘fronte morzentiano’? Sembra ancora compatto e pronto a giocarsi tutto nella prossima assemblea elettiva. E’ vivo e vegeto insomma e sostiene con convinzione che si è sentito ‘scippato’ da una decisione forzata. La parola passa ai Comitati. Abbiamo sentito intanto alcuni presidenti in merito alla lettera. Ecco Claudia Giordani, Alpi Centrali: «Non voglio farmi trascinare in polemiche. Voglio credere quello che ha detto Franco Carraro, ovvero che la sentenza dell’Alta Corte nasce per errori formali. Non c’è dolo». Giulio Campani, Appennino Emiliano: «Capisco e accetto gli sfoghi di Morzenti, ma una cosa è certa, l’Alta Corte non è stata strumentalizzata. E’ composta da membri autorevoli e non influenzabili». Roberto Bortoluzzi del Veneto è sempre stato fra i più vicini a Morzenti: «Si capisce dalla lettera i momenti difficili e le situazioni che ha vissuto Giovanni Morzenti. E’ stata la sua una presidenza leale e sincera, è stato fatto tutto per il bene degli sport invernali. Questo deve essere chiaro».

Articolo precedenteSemaforo verde per l'Olimpiade dei giovani
Articolo successivoSouth American Cup a La Parva
Gabriele Pezzaglia
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...

14 COMMENTI

  1. Cercate di attenzione e pensate bene a tutto prima di digitare. Insulti a parte, insinuazioni e/o illazioni senza una base di fondamento espongono la testata a ritorsioni civili. Da qui un forte applicazione della censura da parte dei gestori del sito. Se noi utenti non facciamo attenzione a ciò che scriviamo, rendiamo solo un servigio a chi in teoria vorremmo criticare.

  2. Eh si cari Morzentiani,la cuccagna è finita,non succhierete più da questa "tetta"!!!
    Capisco il disappunto di chi aveva trovato il luogo dove coltivare il proprio orticello.
    A partire da Bortoluzzi,che girava in AUDI………mentre a Peter Fill era stata negata!!!!!
    Certo che tornare a rompere….ancora la dice lunga di chi sia stà marmaglia!!!

  3. mi auguro che il cervello delle tante persone pulite che vivono nel mondo degli sport invernali questa volta prevalga sui desideri (non mi inoltro ad affrontare le ragioni di questi desideri, non ne vale la pena) di pochi… e aspettiamo la sentenza di appello sul suo processo… è così sicuro dell'assoluzione…?

  4. La campagna elettorale è iniziata. A quanto pare Morzenti sembra intenzionato a ripresentarsi. Mi chiedo se possa essere possibile cadere due volte nello stesso errore. Ricordiamo che il Dr. Morzenti risulta condannato in primo grado all'interdizione perpetua dai pubblici uffici. Non sarebbe meglio che si applicasse con maggiore solerzia alla sua difesa nel processo per ottenere un assoluzione, che da quanto si è potuto leggere non è affatto scontata? Può la Federazione permettersi di vedersi nuovamente infangata nella malaugurata ipotesi in cui il suo riconfermato presidente venisse condannato anche in Appello per concussione?