Mondiali Jr., combinata a Danioth. Quarta Jole Galli

La svizzera già d'oro alle Olimpiadi invernali giovanili pochi giorni fa a Lillehammer nella disciplina trionfa pure ai Mondiali jr. Dopo il superG erano davanti Gasslitter, alla fine 18esima, e Pirovano, poi saltata in slalom. La valtellinese chiude a otto decimi dal podio

2
Aline Danioth in azione in slalom @Zoom Agence

Terza gara del programma femminile ai Mondiali juniores di Sochi. L’Italia di Devid Salvadori non va a medaglia questa volta, ma la sfiora, e si dimostra comunque sempre molto competitiva. E dire che dopo la prova di superG Gasslitter e Pirovano erano rispettivamente prima e seconda… Ma alla fine nella classifica della combinata alpina si è imposta la super polivalente (e grande talento) Aline Danioth, svizzera, già oro nella specialità pochi giorni fa ai Giochi olimpici invernali di Lillehammer. Argento alla tedesca Hirtl-Stanggassinger, anche lei sul podio agli YOG giovanili, e bronzo per la slovena Brezovnik. Jole Galli chiude quarta a 72 centesimi dal terzo gradino del podio.

COMBINATA ALPINA – Davvero fenomenale la svizzera, che chiude al terzo posto il superG, timbra il sesto tempo parziale in slalom e si impone in 1’59”32, dominando la concorrenza e conquistando l’oro iridato con ampio margine. Argento a Stanggassiner, staccata però già di 0”91, terza Berzovnik a 1”33, quarta come detto Jole Galli a 2”05, quinta Weidle, tedesca. Peccato davvero per Pirovano, uscita dopo pochi secondi in slalom, mentre Gasslitter, davanti a tutte al termine del superG, ha chiuso infine 18esima a oltre 4”. Quindicesima Asja Zenere. Tantissime possibili protagoniste sono uscite già in superG. Domani gigante femminile.

Articolo precedenteSoldeu, il pagellone di Race Ski Magazine
Articolo successivoNani guarda a Kranjska: «Il mio obiettivo non cambia, si chiama podio»
REDATTORE - Milanese, 39 anni, laureato in Lingue, sposato con Laura e papà di Giulia, appassionato di tanti (troppi) sport da sempre, amante delle discipline americane, è transitato attraverso esperienze nei quotidiani (Il Giorno, per il quale scrive ancora, Tuttosport, freepress), in Radio (Radio 24, AGR), Internet (Leonardo) e dal 2009 ha trovato la sua dimensione come telecronista di diverse discipline (sci, nuoto, tuffi, scherma, pallavolo, pallanuoto ecc.) su Eurosport Italia. Ma continua ad amare anche la scrittura alla follia e dall'aprile 2014 collabora con Race ski magazine

2 COMMENTI