Moelgg: ‘Ho subito capito che la stagione era persa’

L'azzurro ha mosso oggi i primi passi. Tempi di recupero incerti

2

Manfred Moelgg, operato ieri al tendine d’achille, è ancora ricoverato all’ospedale di Brunico, dove questa mattina ha mosso i primi passi con le stampelle. Ha il piede ingessato e resterà tale per almeno una decina di giorni. Moelgg, che aveva deciso di non partecipare al raduno sciistico di Saas-Fee, si è infortunato mentre faceva preparazione atletica a casa. «Stavo facendo balzi in salita e ho sentito un dolore fortissimo – ha detto il marebbano -. Ho sentito proprio la rottura, il distaccamento. Forse ero già un po’ stanco».

«SUBITO CAPITO LA GRAVITA’» – ‘Manni’ ha subito capito che si era infortunato gravemente e che la sua stagione era praticamente già finita. «La prima cosa che ho pensato e che la mia stagione era finita o comunque ampiamente compromessa». I tempi di recupero sono incerti. Dipendono da tanti fattori e non sono standard per tutti. «Non so quando potrò riprendere, però a questo punto bisogna concentrarsi sulla riabilitazione e lavorare nel migliore dei modi per tornare ai massimi livelli».

«ERO IN FORMA» – Ancora lo slalomgigantista azzurro: «Mi stavo allenando davvero molto bene. Ero in forma e avevo programmato di partire in Argentina per fare gigante e slalom. Peccato davvero».

SIMONE DEL DIO – Il tecnico azzurro, oggi in pista a Saas-Fee con Stefano Gross, Cristian Deville, Giordano Ronci e Riccardo Tonetti, ha detto che «l’intervento è andato bene ed è già un buon punto di partenza per Manfred. Peccato per la stagione, i suoi tempi di recupero non si conoscono. Ora, insieme a Luca Caselli, si inizierà la riabilitazione».

2 COMMENTI