Moelgg e Curtoni campioni italiani di slalom

12
2054

Pozza Live – I due azzurri vincono lo 'scudetto' sulla Aloch

Grande festa in Val di Fassa: a Pozza, nello ski stadium dell’Aloch e a bordo pista, tifo caloroso dei tanti fan club presenti, dei residenti e dei turisti accorsi per le vacanze natalizie. In scena gli slalom dei tricolori assoluti.

TRIS CURTONI – Nella seconda manche in notturna Irene Curtoni (1.47.81), gruppo sportivo Esercito, è riuscita ad avere la meglio sullla poliziotta Chiara Costazza che, nonostante il migliore intertempo, è uscita nella seconda manche. Secondo posto per Nicole Gius (1.49.79), atleta dell’Esercito. Sul gradino più basso del podio Michela Azzola (1.49.20), Fiamme Gialle. Per Irene Curtoni il terzo titolo italiano di slalom, oltre ad uno scudetto conquistato in gigante. Quarta Elena Curtoni, quinta Sarah Pardeller, sesta Camilla Borsotti, settima Marta Benzoni. Poi Michela Borgis, Roberta Midali e Daniela Merighetti.

NOVE ANNI DOPO – In campo maschile il finanziere Manfred Moelgg (1.47.25) conferma il primo posto della prima manche e chiude davanti al compagno di corpo militare Cristian Deville (1.48.04). Il marebbano conquista il quarto titolo in slalom, sesto in totale se ci mettiamo anche i due giganti: il primo nove anni fa in slalom al Tonale. Al terzo posto Giordano Ronci dell’Esercito (1.48.09). Il romano, classe ’92, è il primo giovane in classifica: davvero una prova superma per questo giovanotto che non finisce mai di stupire. A seguire Stefano Gross, Nicola Rota, Davide Da Villa, che è addirittira un ‘Aspirante, poi Andrea Ballerin, Adam Peraudo e Fabian Bacher ex-aequo con Giulio Bosca.

GRANDE EVENTO – Ottima l’organizzazione dello Ski Team Fassa, ma i complimenti sono tutti per il presidente FISI Flavio Roda che ha voluto questo appuntamento in notturna: quasi 2000 persone hanno partecipato alla rassegna tricolore. Davvero una grande promozione per lo sci alpino. E l’anno prossimo slalom tricolori ancora in notturna: il 30 dicembre in Valtellina, probabilmente a Bormio.

Articolo precedenteI francesi a Gressoney
Articolo successivoCostazza e Moelgg nella prima manche
Gabriele Pezzaglia
RESPONSABILE WEB - Milanese classe 1974, è giornalista pubblicista. Dal 2004 segue la Coppa del Mondo di sci, dal 2007 lavora con la Mulatero Editore. È responsabile sito web e area agonismo di Race Ski Magazine e inviato sul campo. Accreditato a tre Olimpiadi invernali: Torino, Vancouver e Sochi. Quando non è sulla neve, pedala...

12 COMMENTI

  1. Max Turo ti leggo solo oggi … immagino il mazzo che vi/ti sei fatto e la manifestazione è stata un vero successo … ma io posso/devo giudicare per quel che ho visto da casa, dalla diretta in TV … voi eravate in 2000 …. noi, davanti alla televisione, molti molti molti di più e ti assicuro che della gara si è capito pochissimo. Vai a vederti la registrata e poi vedi come hanno massacrato il tuo/vostro bellissimo lavoro . Dal punto di vista tecnico NULLA da DIRE, bellissima gara, organizzazione, … e anche il periodo lo trovo azzeccatissimo.

  2. Certo che hai il diritto di pensarla così, ma visto che non ti piace…non chiederla! E già che ci sei caccia anche un pò di soldi per sponsorizzare la Fisi e ospitare tutta la stagione gli allenamenti delle squadre nazionali!

  3. Sinceramente non vedo come si possano definire penalizzate le zone al di fuori del trentino alto adige. Se non sbaglio le olimpiadi invernali del 2006 si sono tenute a torino. Vogliamo parlare di tutte le strutture che sono state ammodernate o costruite ex-novo per questo evento? Per non parlare del quantomeno discutibile utilizzo di alcune di esse, tra cui i trampolini di pragelato che sono FERMI dal 2006 (fonte: http://pragelato.blogolandia.it/2012/09/08/pragelato-situazione-dei-trampolini/ e anche servizi apparsi su striscia la notizia dove si notava chiaramente come le strutture fossero in avanzato stato di degrado).

    Storicamente i campionati italiani sono sempre stati una gara che nessuno si è filato e di certo fino all'altro ieri non vi era la fila per ospitarli, quindi personalmente ritengo che quei pochi che abbiano creduto in questo progetto non abbiano rubato nulla a nessuno e anzi meriterebbero la continuità per lo sforzo profuso.

  4. Ussignur…
    1) allora, lo dico e lo ribadisco: un evento del genere MAI l'avrei fatto in un giorno come quello. Mai: un surplus di trasferte e lavoro per gli sciatori, nel bel mezzo di un calendario affollatissimo. Gia' oggi si parla d'altro. E se qualcuno si faceva male?
    2) Parliamoci chiaro: delle CINQUE gare di Coppa del Mondo italiane, QUATTRO sono in Trentino-Alto Adige. Ora abbiamo aggiunto pure l'evento di ieri. Tutto giusto?
    Non voglio criticare il ritorno di Campiglio (anzi per me una localita' che ha il sacrosanto diritto di essere in Coppa!), ma vogliamo dire che in Italia non esiste solo il TAA?
    In ogni caso, lo dico e lo ribadisco: per me i campionati italiani vanno fatti a fine stagione! Ho il diritto di pensarla cosi'?!

  5. Ciao Runner. Scusa ma io proprio non ti capisco e, purtroppo per te, per certe cose ho buona memoria. Sotto allego quando da te postato quest'estate al riguardo di questa competizione.

    runner – 01/08/2012 10:28
    Io davvero non capisco. Che visibilita' potra' avere una gara di sci come questa, il 30 dicembre? Tra le coppe del mondo maschili e femminili, le notizie natalizie e le chiusure delle redazioni, scommetto che avra' ancora meno riscontro di quando la facevano a fine stagione. Ma contenti loro…

    Sai cosa mi viene da dire…. che è facile far fare gli apripista agli altri, oltretutto denigrandoli per il loro coraggio, e poi, quando si vede che la cosa funziona, alzare la manina e dire : ci siamo anche noi, non trascurateci!
    Se io fossi il presidente della Fisi e tu un esponente del Piemonte/Valle d'Aosta l'assegnazione di questa gara la aspetteresti per un bel pezzo!! Ma poichè io non sono il presidente puoi sicuramente sperare!

  6. Ciao Zano, mi dispiace che, di tutto quello che è stata la fantastica notte di Pozza, tu abbia notato solo i problemi dei cronometristi e del commentatore.
    Mi dispiace perchè la scommessa, che il presidente ha buttato sul tavolo la scorsa primavera con questi italiani collocati a fine dicembre, credo sia stata ampiamente vinta. Lo ha sottolineato il presidente stesso e tutti gli atleti che hanno davvero vissuto una serata speciale insieme ad un pubblico entusiasta.
    Si può sempre migliorare, questo è sempre vero. Tu sai bene però, conoscendo il mondo delle gare da vicino, che poco può fare l'organizzazione se i cronometristi hanno una giornata storta. Per quanto riguarda il commento e la regia RAI forse sarebbe meglio lamentarsi direttamente alla fonte, magari ti ascoltano…

  7. Emanueza sono d'accordissimo con te … anche la Diretta su Rai Sport è stato un bel veicolo pubblicitario, peccato però che la registrata dell prima manche sia nadata in onda con i concorrenti scesi a caso ( 8, 5, 12, 2, …) i tempi sovraimpressi fossero sbagliati, i nomi dei concorrenti che scendevano fossero sbagliati e che addirittura mentre scendeva una donna comparisse il nome di un uomo. Confusione totale !!! Se doveva servire ad avvicinare un pubblico di neofiti siamo messi malissimo, credo che nessuno abbia capito nulla.

  8. Permettetemi di spedere una post dedicato al 3° classificato, il romano di Roma GIORDANO RONCI che col podio di ieri molto probabilmente si è guadagnato la convocazione nel prossimo slalom di CDM a Zagabria….una bella storia da raccontare che ha come protagonisti il ragazzo ed il padre

  9. o c'ero. Mi trovavo in vacanza proprio in Val di Fassa e non potevo perdermi lo spettacolo dal bordo pista. Confermo la straordinaria riuscita dell'evento da parte degli organizzatori.
    Pista vera, barrata come se si trattase di una gara di CDM,gara vera e sentita tanto per i maschi quanto per le femmine.
    Deville che ha provato a vincere il titolo forte, assieme a Gross, di un tifo da stadio da Moelgg che ha voluto recitare il ruolo del guastafeste e la Costazza che, tolta l'inforcata, può dirsi recuperata ad alti livelli.
    Forse, prendendo spunto dal tennis dove il vincitore dei campionati italiani assoluti ottiene una wild card per l'ingresso nel tabellone principle degli Internazionali d'Italia al Foro Italico, all'evento sarebbe stato aggiunto un pò di pepe offrendo l'immediata convocazione ai mondiali di Schladming in caso di vittoria.
    Posso affermare che senza timore di essere smentito che c'era più pubblico ieri sera che gli anni scorsi in alta Badia quando si organizzava uno slalom di CDM al lunedì.
    Lo sci ha bisogno di rinnovarsi profondamente e di rivedere alcune formule organizzative….gli slalom in notturna sono una formula vincente le collocazione del calendario sono altrettanto fondamentali

  10. …ma chi c…zo era l'improvvisato che ha fatto la telecronaca su Rai Sport 2 ? Ma si è accorto che stava commentando una gara di sci ? … non ne imbroccava una …addirittura ha detto che un atleta aveda dato un distacco di " meno 0,25 percento" !!! commento veramente imbarazzante e dilettantistico. Neanche le TV private di 30 anni avrebbero fatto peggio.