'Moderatamente soddisfatto, adesso al lavoro per Sochi'

43

Schladming Day 14 – Il bilancio finale del dt Claudio Ravetto

Cala il sipario sui Mondiali di Schladming. Dopo due settimane di aggiornamenti ‘live’ con articoli, interviste e video a cura degli inviati Gabriele Pezzaglia e Claudio Primavesi, vi proponiamo l’intervento di Claudio Ravetto, ultimo atto della spedizione in Stiria. Ecco allora il direttore tecnico del settore maschile nel video conclusivo: il biellese di Strona esamina i risultati di Schladming e guarda già al prossimo grande obiettivo, le Olimpiadi nel 2014 in Russia a Sochi. 

43 COMMENTI

  1. Cluod mi fa piacere che tu sia d'accordo con me. Comunque spero che quando in futuro non sarai più d'accordo con me, non ricominci a dare del "saputello e a seminare offese" … ogniuno ha le sue opinioni … vanno rispettate comunque.

  2. zano… per la prima volta concordo pienamente con te. fatevi spiegare da W.N. (bastano le iniziali a chi è dell'ambiente…..) le realtà e le difficolta' per realizzare gli skidom! la FISI ahahahaha ma cosa dice sta gente?

  3. sinceramente mi chiedo cosa centri un'impresa imprenditoriale come uno skidome con la FISI. Mi pare che servano diverse decine di milioni di euro per farne uno ( chiedere a W.Nardelli per i dettagli) e il privato partecipa al 50% e la regione o altri enti statali per il resto … la Fisi sicuramente ne usufruirà come cliente … come fa quando va in Olanda, Germania, … ma nulla di più.
    Inoltre l'idea dello skidome NON è certo di Ghilardi ma di un gruppo di imprenditori appassionati che vedono in questo un business redditizio. Sicuramente fa specie che in Italia si arrivi come sempre per ultimi … ma almeno il nostro si avvarrà dell'esperienza fatta "sulla pelle" degli altri, costruendone uno più bello, più grande, più ecologico e a minor consumo energetico e impatto ambientale.

  4. tre o quattro… e chi li paga? Selvino pronto nel 2015? questa data mi ricorda altro… a parte gli scherzi, parliamo di presidenza FISI non di capacità imprenditoriale… non ho ancora capito in cosa Ghilardi avrebbe potuto essere foriero di un sacco di medaglie… lo dico senza ironia… ti assicuro… anche perchè, non mi pare che non sia mai stato alla dirigenza federale… anche come vice… ora i casi sono due: o non se lo filava nessuno o anche lui non ha la bacchetta magica…

  5. …Shark… secondo me e' sbagliato che il Coni, o lo direttamente lo Stato, finanzi solo uno Skidome, ne serverbirebbero almeno tre o quattro co-finanziati, in modo che siano facilmente raggiungibili da più' parti, visto che i ghiacciai in estate adesso li vogliono chiudere.
    Pero' vedi, a Ghilardi va il merito di essere attivamente interessato, molto più' di altri, a fare qualcosa di concreto…

  6. fab, mi piaceva sentire la tua lettura… cmq l'uovo di colombo del privato ha solo un piccolo problema… trovare chi ci mette i soldini… e, come sottolinei, lo skidome è un affare non certo federale, anche se poi ne potrebbe usufruire ma, secondo te, se io faccio un investimento ci voglio anche guadagnare… o no? 😉

  7. ..Shark…… le idee di Ghilardi le trovi sul motore di ricerca di Race, ma dovresti riguardarti il video (sempre di Race) fatto in marzo 2012 con il dibattito tra i candidati per la presidenza fisi.
    Poi a me piace l'idea grandiosa di Ghilardi di uno Skidome in Valseriana (BG),,,, anche se i fondi per realizzarlo dovrebbero essere completamente privati e non del Coni.

  8. …runner… io non sono un 'fanboy' (ahahahahah) sto solo dicendo che in questo momento l'agonismo Sci italiano va impostato in maniera diversa, dalla base al top. Un presidente come Roda andava bene in una epoca diversa, quando appunto l'Italia vinceva con Tomba. Ma adesso serve uno come Ghilardi perché' altrimenti Ted Ligety e Marcel Hirscher rimarranno imbattibili per i prossimi dieci anni,,,, ma forse a voi va bene così, evidentemente vi conviene…

  9. questa surreale discussione mi era sfuggita 🙂 … pure il fanboy fuori tempo massimo adesso!
    Pure io non avrei voluto Roda (ma ancor meno Ghilardi eh!) ma da qui a dire che con un altro presidente avremmo vinto piu' medaglie… maddaiii… !
    Chi puo', senza poi mettersi a ridere, affermare che la posizione nel medagliere e' dipesa dal presidente eletto?!? Lasciatelo lavorare il nuovo presidente invece! Alla fine ne faremo il bilancio. Alla fine, non certo ora!

  10. @fabski…ma dai..pensi davvero che se avessimo avuto un presidente diverso avremmo fatto più medaglie??!! hahaha…ma fammi il piacere…al massimo ne avremmo avute meno! Al massimo sono i tecnici e il DT che devono lavorare sulla testa e sulle motivazioni degli atleti..
    mi sembra che roda abbia fatto il suo bel lavoro in federazione, ha trovato uno sponsor per i giovani e non ha fatto mancare niente alle squadre A…sta rilanciando una federazione che era stanca e distante dalla base, ma ci vuole tempo per fare le cose per bene e per veder i risultati.

  11. …Talian…. vatti a leggere le dichiarazioni del fassano Piero Gros di qualche settimana fa in cui spiega la situazione attuale della nazionale italiana. Nonostante Gros sia al top della forma e abbia dimostrato di poter vincere tutto, per sua stessa ammissione ha dichiarato che l'Italia e' inferiore di 'testa' rispetto alle altre nazionali tipo l'Austria… Secondo te chi crea il clima e le condizioni psicologiche alla nazionale italiana per poter vincere se non il presidente della federazione? Lo spirito santo forse? Attualmente Ghilardi era il candidato migliore per questo ruolo, ma chissà' perché' negli ultimi decenni in Italia tutti quelli con vere capacita' sono stati bloccati o boicottati. Un classico italiano direi.

  12. Ragazzi lasciatelo perdere. A Napoli si dice: O purpo sadda cocere int' all'acqua sua (il polipo si deve cuocere dentro la sua stessa acqua). E' un fan accanito e come tutti i fan ha un punto di vista un tantinello distorto 😉

  13. ….Talian… io guardo i risultati e per il breve periodo in cui c'era Carraro il morale era alto e i risultati arrivavano, ma e' chiaro che non ti rendi conto (o non vuoi rendertene conto) dell'importanza e l'impatto che genera un presidente piuttosto che un altro…

  14. @fabski si vede che sei informato su coma funziona una federazione commissariata! Carraro, e che per lui gestiva la Fisi, si curavano solo della normale amministrazione per arrivare alle nuove elezioni. Hanno solo fatto i passacarte… Forse è il caso, prima di sparare a raglio, di riflettere!

  15. Secondo me hai letto qualcosa per qualcos'altro. Curriculum vincente?? ma non era quello che ha perso 3 elezioni di seguito, prima di riuscire al secondo tentativo ad essere eletto alla guida del comitato AC?
    Non ricopriva la carica di vice presidente sotto l'ultima gestione Coppi ed il primo mandato Morzenti? Insomma una persona per ogni stagione. Naturalmente avrebbe anche previsto la vittoria di Malagò alla presidenza del CONI, vista la sua lungimiranza politica ;). Siamo seri si sta discutendo del sesso degli angeli ad appena 10 mesi dalle elezioni che hanno insediato Roda a Presidente. Un pochino presto per pensare di dargli addosso e soprattutto per rimpiangere chi le mani in pasta sul nostro passato le ha comunque avute, salvo svegliarsi (a mio giudizio) un tantino fuori tempo massimo.

  16. .
    .
    ..Talian….. .. sono le idee e proposte che ha fatto Ghilardi al momento della sua candidatura a presidente Fisi che sono vincenti (per non parlare del suo curriculum), rese pubbliche proprio grazie a Race e alle interviste di Davide Marta… Nessun altro dei candidati aveva delle proposte serie… Proprio in uno sport come lo Sci la testa e la capacita' del dirigente fanno la differenza e con Ghilardi i risultati si sarebbero visti subito… Ma tanto per voi ci sono i velocisti… ale' ale'….ciao mondiali, olimpiadi e coppa del mondo…

    .
    .

  17. @trailblazer….hai ragione, sono uno ottimista, però bisogna ammettere che almeno il progetto futurfisi è stato fatto, i soldi sono stati trovati e sopratutto sono stati espressamente dedicati al settore giovanile che così ha potuto avere la garanzia di lavorare..poi possiamo discutere sui dettagli, sul progetto in se se piace o no, se va cambiato o no..ma intanto qualcosa è stato fatto per i giovani..

  18. Sentire che con Ghilardi avremmo vinto più medaglie ai mondiali è una cosa che fa semplicemente sorridere… Come, secondo il mio modesto parere, farebbe sorridere se Roda si fosse preso tutto il merito della straordinaria stagione dei velocisti in CDM. Lo sci è uno sport complesso, quello che frulla nella testa degli atleti da una stagione all'altra è difficilmente gestibile. Secondo la mia personale opinione il seminare di un manager si vede dopo qualche tempo…si possono vedere segnali, ma una pianificazione seria è sempre una pianificazione a medio-lungo termine. Comunque se gli amici di Ghilardi pensano che sia la panacea di tutti i mali possono sempre proporre di schierare lui al camcelletto a Sochi!!

  19. @zano. … ma non lo sai che a Pozza (dove si sono allenati i convocati) si dice ci siano le stesse identiche situazioni di pista e di neve che troveranno in Canada? E lo sai che un buon allenamento in sl e in gs è propedeutico soprattutto per coloro che quest'anno non hanno mai fatto DH e SG?

  20. A mio parere l'analisi di Ravetto non fa una grinza. Non è uno che trova facilmente scuse ha sempre parlato chiaro e guardato al risultato. Io ai nostri almeno un 6,5 lo do, abbiamo una sola medaglia in meno della "SuperFrancia". Eviterei poi i discorsi politici "se veniva eletto Ghilardi" che lasciano il tempo che trovano.

  21. .
    .
    ..zano……
    .
    .
    la colpa infatti non e' solo di Roda ma anche di tutti quelli che l'hanno votato, che dimostrano di non avere le idee chiare su come si imposti uno sci-club e lo sci agonistico in generale.
    Un presidente Fisi come Ghilardi la differenza la farebbe eccome, in un modo che evidentemente qua non si capisce e non si vuole capire e così l'Italia continua a non vincere…
    .
    .

  22. “…per fortuna che abbiamo un presidente che ai giovani ci pensa”. Caro Vantage, spero sinceramente nel tuo ottimismo.
    Mi verrebbe la facile battuta che il presidente ci “pensa” e …basta. Più seriamente, Roda è il tipo da annunci, tipo, si farà, punteremo, potenzieremo, ma poi i consuntivi? Secondo me bisogna iniziare a “buttare il cuore oltre l’ostacolo” e iniziare a ragionare fuori dagli schemi abituali, a meno che lo status quo sia ritenuto il massimo e che accontenti un po’ tutti gli addetti ai lavori. Posizione rispettabilissima, ma che richiederebbe altre riflessioni, che tralascio.
    L’altro giorno, nella sua intervista qui pubblicata, viene enunciato un aspetto, magari sfuggito, ma di importanza fondamentale, ovvero una stretta collaborazione tra Squadra B e Gruppi Militari. Qualche considerazione in ordine sparso:
    -quindi finora si afferma finalmente che non c’è stata collaborazione, al di là delle dichiarazioni politiche negli anni sul prezioso contributo dei militari (come dico sempre contribuiscono con lo stipendio a tecnici e atleti delle nazionali)! ; – lo spiega a lui al DT Ravetto, che solo una paio di mesi fa, sempre in un’intervista qui pubblicata, si domandava a cosa servono i Gruppi Militari?; – ad oggi su cinque gruppi sportivi, gareggiano nelle squadre agonistiche circa 16-18 atleti (compresi ultra trentenni), una media di 3-4 atleti per squadra (di norma un gruppo militare ha più tecnici e dirigenti che atleti): pertanto occorre portare almeno a 8-10 atleti per gruppo. – per le discipline veloci, al di fuori delle squadre nazionali, esistono gruppi specializzati nella velocità? Qual è il bacino da cui pescare? Il solo comitato di Bolzano? Se fosse così, si può fare qualcosa di più? A livello giovanile si premia polivalenza o specializzazione?
    Come si vede i temi sono tanti: una preghiera/augurio alla redazione di “Race”. Voi che potete, perché non fate delle interviste di approfondimento su questi temi?
    A mio parere , esiste una netta separazione tra le belle dichiarazioni periodiche e le effettive strategie messe in atto: anche quest’anno Futurfisi doveva essere qualcosa di diverso dal passato: si potrebbe spiegare in cosa è consistito il cambio, definito quest’estate come “epocale”?

  23. i risultati sono stati da 6 … siamo la seconda Nazione in Coppa del Mondo ma siamo arrivati 7imi. Di certo la colpa non è di Roda, che non conosco,e non vedo cosa potesse cambiare con Ghilardi o con Gattai o con Coppi o con Cotelli o con Nogler …

  24. .
    .
    A differenza di quello che dicono Ravetto e Roda, questo mondiale non e' andato per niente bene: nel Medagliere di Schaldming l'Italia e' arrivata settima senza neanche un oro… una vera tristezza… Sicuramente le cose sarebbero andate meglio se come dicevo io lo scorso marzo fosse stato eletto Carmelo Ghilardi come Presidente Fisi… e questo lo dico non perché' Roda sia una cattiva persona, ma in un momento come questo in cui all'Italia serve vincere, ci vuole uno come Ghilardi e le sue idee per dirigere lo Sci in Italia,,, altrimenti andrà' sempre peggio
    .
    .

  25. è vero per i maschi un mondiale soddisfacente, competitivi in quasi tutte le discipline per le medaglie. bravi gli atleti e lo satff tecnico..
    però sentendo l'intervista mi è venuto da dire: "e ci risiamo…"
    quest'anno era l'anno dei mondiali, il prossimo sarà l'anno delle olimpiadi, ecc… ogni anno è buono, per ravetto, per trovare un motivo per ribadire che bisogna investire sulla coppa del mondo e tagliare sui giovani, i questo caso di nuovo la coppa europa…per fortuna che abbiamo un presidente che ai giovani ci pensa perchè altrimenti sarebbero dolori in futuro…